giovedì 28 novembre 2019

TEATRO: A LEGNANO UN OMAGGIO A SIMENON CON "LA CAMERA AZZURRA"

     
LA CAMERA AZZURRA 
di Georges Simenon

Sabato 30 novembre 2019 h.21,00 Teatro  Tirinnanzi Legnano

Fabio Troiano, Irene Ferri, Giulia Maulucci, Mattia Fabris
Assistente alla regia e scelte musicali Sandra Zoccolan
Scenografia Maria Spazzi | Costumi Erika Carretta | Disegno luci Alessandro Verazzi
Regia Serena Sinigaglia
Produzione Nidodiragno / Coop CMC – Sara Novarese

Un grande omaggio alla penna di Georges Simenon, nel trentesimo anniversario della scomparsa, con uno dei suoi romanzi “noir” più successo: “La camera azzurra”. Tra i più rappresentativi testi della società moralista francese degli anni Sessanta, sempre ben nascosta dietro falsi perbenismi di allora che, purtroppo, si manifestano diffusamente ieri come oggi. In scena al teatro Tirinnanzi di Legnano il 30 novembre alle h.21.00, non solo la sua trama è avvincente: gli attori stessi sono di una perfezione esemplare, immersi anima e cuore nei personaggi descritti da Simenon. Del resto, con una regista della portata di Serena Sinigaglia (non solo brava a dirigerlo, ma capace di svelare in parallelo i mali più comuni della società odierna e le parti più oscure dell’animo umano) non poteva esserci risultato migliore.

La struttura scenica (realizzata da Maria Spazzi) porta allo stesso tempo in sé un messaggio immediato: è inusuale, storta, scivolosa, quasi a volerne evidenziare la precarietà affinché i personaggi stessi non volessero imitarla scivolando in falsità, nascondendo segreti e pulsioni, mostrando integrità tutt’altro che credibili. Maschere di vita perfette, seppur fasulle, come quella dell’affascinante amante di Tony (la popolare attrice Irene Ferri) o di Gisele (l’attrice Giulia Maulucci), che dietro un fare rassicurante lascia intuire ciò che ha dentro nel suo nervoso modo di lavorare a maglia. Stessa “finta facciata” nel personaggio di Tony (l’attore Marco Troiano: amatissimo dal pubblico, dal R.I.S. del piccolo schermo ai tantissimi lavori al cinema e a teatro), che si mostra fin troppo affettuoso con la moglie per via del suo celato senso di colpa, pur continuando a negare di averla tradita. La regista, volutamente, riproporrà due volte la scena intima dei due amanti, facendo ripetere ogni particolare alla perfezione: ciò, al fine di dimostrare che ogni gesto, se rifatto nello stesso identico modo, può celare una forma di ipocrisia. Il commissario (interpretato da Mattia Fabris) a sua volta cerca di nascondere le sue ossessioni sfoderando un comportamento integro e corretto ma, in realtà, anche lui ha qualche scheletro nell’armadio…non andiamo oltre.

Solo una curiosità: perché il colore azzurro? Nasce dalla tinta della sostanza che veniva usata per sbiancare gli indumenti. Potesse, quel colore, sbiancare le loro anime e renderle tutte ancora immacolate! Chapeau infine alle luci di Alessandro Verazzi e alla sceneggiatura di Letizia Russo, che portano in sé l’astuzia dei più abili giocatori di poker: non lasciano che le carte vengano subito scoperte, grazie a un’illuminotecnica che si concentra poco alla volta sulla trama complessa di tale giallo d’autore.  Il finale voluto da Serena Sinigaglia, senza “spoilerizzare” la sorpresa, si concentra soprattutto sul senso principale della storia stessa… A voi scoprirlo, col fiato sospeso dall’inizio alla fine.

Poltronissima: Euro 30/ridotto 24; poltrona Euro25/ridotto 19; galleria Euro 20/ridotto 14.
Prevendita: Teatro Tirinnanzi Piazza IV Novembre Legnano- mercoledì-venerdì e sabato h.16,00/19,00   presso Disco Stores  Galleria Ina, Piazza San Magno 4 Legnano- nei giorni non festivi da lunedì a sabato. On line: www.melarido.store, www.teatrotirinnanzilegnano.it (senza costi aggiuntivi) 
Su www.vivaticket.it (con piccolo costo aggiuntivo per scelta posto). 
Info e prenotazioni: biglietteria@melarido.it  - Telefono teatro-mobile: 331 7189086

Nessun commento:

Posta un commento