giovedì 10 ottobre 2019

EVENTO: TORNA AGRIVARESE IN CITTA' CON TANTE NOVITA' IN PARTICOLARE PER CHI PRENDERA' IL TRENO


AGRIVARESE IN CITTÀ: VIENI IN TRENO… E VINCI!

Domenica 13 ottobre ai Giardini Estensi e nel centro cittadino
Visite guidate nel centro cittadino a cura dei Varese Tourist Angels 

Agrivarese torna domenica 13 ottobre 2019 a Varese in centro città. Ad ogni edizione migliaia di visitatori vengono accolti nella splendida cornice dei Giardini Estensi e nelle vie centro cittadino ad Agrivarese, la tradizionale fiera dell’agricoltura organizzata dalla Camera di Commercio, attraverso la sua azienda speciale PromoVarese, in collaborazione con Comune di Varese e associazioni di categoria.
Agrivarese, “natura in centro città”.Agrivarese è un’occasione speciale d’incontro fra i cittadini e le aziende agricole del territorio. Ma non solo, tante sono le iniziative a corollario di un evento che si arricchisce ogni anno di nuovi protagonisti e tante attività.

È forse la manifestazione che, in una singola giornata, richiama più persone nel centro di Varese, valorizzando il nostro patrimonio agricolo e storico culturale. Domenica 13 ottobre, ancora una volta, gli animali delle nostre fattorie saranno i veri protagonisti di Agrivarese in città: saranno loro ad animare i Giardini Estensi, splendido scenario ambientale in cui è incastonata la manifestazione, e le altre zone del centro cittadino.

«Promuovere i prodotti delle nostre imprese agricole, svolgendo un’azione concreta di marketing territoriale. Questo l’obiettivo di Agrivarese in città, che si ripropone col suo fascino di un evento unico. – dice il presidente della Camera di Commercio, Fabio Lunghi –. Una manifestazione capace di coinvolgere le famiglie e, in generale, chiunque si accosti ai prodotti di un settore primario varesino che sa puntare sulla qualità. Ancora una volta, siamo pronti per far vivere una bella giornata a tutti: cittadini, operatori del settore primario, ma anche quei turisti che, da varie località del Nord Italia e dal vicino Canton Ticino, sceglieranno di venire a Varese per immergersi nell’atmosfera di quest’evento».

Per loro, non mancherà l’occasione di ammirare gli animali delle nostre fattorie in tutta la loro bellezza, assistendo alle sfilate intorno alla fontana al centro dei giardini: un luogo di grande fascino. Qui gli allevatori ci descriveranno le caratteristiche e le storie collegate alle singole razze: cavalli, pony, mucche, capre, pecore, conigli, asini, anatre, galline e rapaci. E, poi, l’ormai tradizionale spettacolo dei bovari del bernese! Inoltre, non mancheranno i momenti dedicati al cibo, con piatti della tradizione e di stagione, al benessere alimentare e ai macchinari del settore primario.

Così, nella giornata di domenica tutto il centro cittadino sarà affollato di una quantità innumerevole di iniziative rivolte in particolare alle famiglie con i bambini, ma non solo.

Tra queste iniziative, la mostra micologica che consentirà anche di approfondire la conoscenza dei funghi scoprendone i segreti, lo spazio dedicato agli orti e ai fiori con utili suggerimenti per la loro coltivazione, le visite guidate al rifugio antiaereo di via Lonati e le esibizioni di tree climbing in piazza Monte Grappa. Quest’anno, poi, Agrivarese in città ospiterà anche la segheria mobile gestita dai fondatori del Movimento del Legno Urbano: il loro obiettivo è quello di valorizzare gli alberi di città che, per eventi di varia natura, devono essere abbattuti, rendendoli una risorsa naturale da rimettere in circolo ed evitando che diventino un rifiuto.

Vieni in treno e vinci

Quella di domenica 13 ottobre sarà un’edizione di Agrivarese in città all’insegna della sostenibilità. Uno sforzo sul piano della mobilità sostenibile è stato promosso dalla Camera di Commercio che, attraverso la sua azienda speciale Promovarese, organizza questo evento in collaborazione con Comune e Associazioni di categoria e con il sostegno di Regione Lombardia. In tal senso, è stato sottoscritto un accordo con Trenord per garantire alle famiglie un biglietto a prezzo agevolato nella giornata di domenica, partendo dalle varie stazioni della Lombardia. E in più, grazie a Tilo, sarà facile raggiungere Varese in treno anche dal Canton Ticino.
Per chi verrà sui binari della ferrovia, poi, ci sarà la possibilità di partecipare al concorso “Agrivarese in città 2019: vieni in treno e vinci!”. Del resto, la manifestazione si svolge nel centro cittadino ed è facilmente raggiungibile dalle due stazioni ferroviarie di Varese.

Partecipare al concorso sarà semplice: basterà recarsi al punto informativo allestito in piazza Monte Grappa ed esibire il biglietto ferroviario con il quale si è raggiunta la sede dell’evento (o l’abbonamento che includa i giorni festivi).

Nei giorni successivi, ci sarà l’estrazione dei 10 fortunati vincitori, a cui andrà un buono acquisto di 150 euro da spendere in una delle imprese agricole partecipanti ad Agrivarese in città.

Con i Varese Tourist Angels alla scoperta del centro cittadino

In occasione di Agrivarese in città, come già lo scorso anno, i Varese Tourist Angels accompagneranno cittadini e visitatori in una curiosa passeggiata in centro città alla scoperta dell’antico mercato delle granaglie, della storia dei macellai del centro storico, e delle più singolari abitudini alimentari dei varesini dei secoli scorsi. Il percorso, che vede impegnati i ragazzi dell’istituto Daverio-Casula insieme alle guide turistiche, attraversa il centro storico con partenza da piazza Monte Grappa e termina ai Giardini Estensi.

La partenza è prevista in cinque momenti (ore 10.30 - 12-14-15.30 -16.30) dal punto informativo di Agrivarese in città, in piazza Monte Grappa.

Varese Tourist Angels è un’iniziativa che ormai da tre anni vede Camera di Commercio e Regione Lombardia, con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Territoriale, operare con un progetto innovativo sul versante della valorizzazione turistica. Dopo un percorso di formazione, gli studenti dei nostri istituti superiori, affiancati da guide professionali, svolgono attività di supporto negli InfoPoint della rete territoriale e in occasione di eventi turistici in ambito sportivo e culturale.

VIABILITA’ > QUALI SONO LE STRADE CHIUSE NEL CENTRO CITTA’
Per consentire agli organizzatori e alla Camera di Commercio di svolgere Agrivarese, verranno chiuse al traffico, dalle 5.00 alle 24.00, via Sacco, corso Moro, piazza Monte Grappa (nel tratto compreso tra via Carrobbio e via San Francesco d’Assisi e per tutta la sua estensione sul lato rotatoria), le vie Marcobi e Volta, via Bernascone (nel tratto tra via San Francesco d’Assisi e via Sacco), piazza Ragazzi del ’99, via Sant’Antonio (nel tratto compreso tra via degli Alpini e piazza Motta), piazza Motta, piazza Battistero, via Lonati (nel tratto compreso tra piazza Motta e via San Francesco d’Assisi) e le vie San Francesco d’Assisi e Marconi. In via Robbioni infine, che verrà chiusa nel tratto compreso tra via Sacco e via Del Cairo, verrà realizzato un corridoio regolamentato a doppio senso di circolazione per consentire il transito dei veicoli dei residenti e di quelli diretti in proprietà private, nonché dei mezzi di soccorso e delle forze dell’ordine. 


Info e programma completo su www.agrivarese.com

Condividete con noi le emozioni dei questo giorno speciale con #agrivarese

MUSICA: ULTIMO APPUNTAMENTO CON JAZZaltro A OLGIATE OLONA CON IL TRIO AZUL


TRIO AZUL CHIUDE JAZZaltro 

Il concerto del trio Azul chiude domenica 20 ottobre a Olgiate Olona (Va) la decima edizione di JAZZaltro. Per l’ultimo appuntamento della rassegna che da dieci anni porta i suoni del mondo nella provincia di Varese si esibirà la formazione composta da tre big del jazz italiano: il fisarmonicista Fausto Beccalossi, il pianista Oscar Del Barba e il contrabbassista Attilio Zanchi

Per l’ultimo appuntamento della stagione, JAZZaltro, la rassegna che dal 2010 porta i suoni del mondo lungo l’asse della S.S. Sempione e del fiume Olona, farà di nuovo tappa a Olgiate Olona, in provincia di Varese: domenica 20 ottobre, al MO.OM Hotel (via San Francesco d’Assisi 15; ore 21; ingresso 10-15 euro) è in programma, infatti, il concerto del trio Azul, costituito dal fisarmonicista Fausto Beccalossi, dal pianista Oscar Del Barba e dal contrabbassista Attilio Zanchi, tre virtuosi dei rispettivi strumenti nonché tre nomi di primo piano della scena jazz nazionale.
La cifra stilistica di questa formazione è una fusione di svariati generi musicali: echi di jazz, sonorità brasiliane, musica cubana e argentina ma non solo, che si ritrovano anche nelle composizioni originali del trio. Inoltre, nel repertorio del gruppo figurano brani riarrangiati che appartengono al mondo latino, fra i quali “Historia de un Amor” del compositore panamense Carlos Almaran, “Rosa” e “Carinhoso” del grande Pixinguinha (compositore, arrangiatore, flautista e sassofonista brasiliano ma soprattutto colui che, più di tutti, ha reso celebre il genere musicale choro)  e “Um Anjo” del compositore e polistrumentista brasiliano Egberto Gismonti.
Una chiusura in grande stile, dunque, per una manifestazione giunta alla decima edizione: «JAZZaltro segna un ulteriore traguardo positivo in ordine all’aumento significativo degli spettatori e alle attestazioni di gradimento che abbiamo ricevuto - afferma il direttore artistico Mario Caccia - Anche quest’anno la nostra rassegna ha contribuito a valorizzare contesti storici e ambientali ricchi di fascino (tra cui teatri, giardini, musei e ville storiche ma anche scorci naturalistici di rara bellezza come la valle del fiume Olona), oltre a far conoscere il jazz, genere a torto considerato “difficile”, a un pubblico sempre più ampio. Lo abbiamo fatto selezionando con attenzione proposte musicali di alta qualità e, allo stesso tempo, facilmente fruibili, che hanno privilegiato la commistione e la contaminazione. Del resto, come si intuisce già a partire dal nome, la nostra è una rassegna di jazz aperta anche ad altri generi e ad altri stili musicali, senza prescindere tuttavia dall’elemento portante dell’improvvisazione. In dieci anni di vita, JAZZaltro ha visto la partecipazione di 740 musicisti, 153 tra formazioni e gruppi, 102 danzatori, 132 allievi e circa 71.000 spettatori. Numeri significativi, direi. Tutto questo è stato reso possibile grazie al supporto di diverse realtà: l’associazione Area 101, l’etichetta discografica Abeat Records, gli sponsor, le amministrazioni pubbliche, i partner privati  e, soprattutto, i tanti appassionati che ci seguono con passione e sostegno».

Come già accennato, Fausto Beccalossi, Oscar Del Barba e Attilio Zanchi sono tre protagonisti di primo livello del jazz italiano: Beccalossi è unanimemente considerato uno dei massimi specialisti, non solo nel nostro Paese, della fisarmonica jazz e tra le sue collaborazioni spiccano quelle con Kenny Wheeler,  Gabriele Mirabassi, Paolo Fresu, Gianluigi Trovesi, Ralph Alessi e il grande chitarrista Al Di Meola, con il quale suona da anni in tutto il mondo.
Diplomato in pianoforte, jazz, composizione e strumentazione per banda, Oscar Del Barba si è avvicinato a svariati generi musicali (jazz, musica cubana, argentina e brasiliana, ma anche pop e musica etnica) che, insieme agli studi classici, gli hanno permesso di sviluppare nelle sue composizioni uno stile personale e originale. Nel corso della sua carriera, Del Barba, artista eclettico e docente al Conservatorio G. Verdi di Milano, ha collaborato con jazzisti del calibro di Markus Stockhausen, Dave Liebman, Ralph Alessi e Javier Girotto e con il cantautore Francesco Guccini.
Attilio Zanchi è uno dei più noti e apprezzati contrabbassisti italiani. Ha suonato nei più importanti festival jazz internazionali e con i più grandi musicisti della scena mondiale (Lee Konitz, Tony Scott, Bobby Watson, Dave Liebman, Gerry Mulligan, Roy Hargrove, Chick Corea, Peter Erskine, John Surman, Phil Woods, Steve Lacy, Gary Burton, Milt Jackson, Sheila Jordan, Trilock Gurtu, Tom Harrell, Garrison Fewell, Dave Douglas e moltissimi altri) e italiana (da Franco D’Andrea a Paolo Fresu, nel cui quintetto milita da oltre trent’anni). Nel 2006 ha fondato il trio Ars3 insieme a Mauro Grossi e Marco Castiglioni con i quali ha inciso gli album “Distanze” e “Promemoria”. Nel 2007 ha dato vita al quintetto Portrait of Mingus, dedicato alle musiche di Charles Mingus, e cinque anni dopo è entrato a far parte dell’Inside Jazz Quartet insieme a Tino Tracanna, Massimo Colombo e Tommy Bradascio, con i quali ha inciso due dischi. Nel 2016 ha pubblicato, a proprio nome, l’album “Ravel’s waltz”.

MUSICA : CONCERTO NELLA CHIESA DI LORETO A VARESE "JOHANN SEBASTIAN BACH IL CLAVICEMBALO BEN TEMPERATO"


"MUSICA E POESIA NELLA CHIESA DI LORETO"

Domenica 13 ottobre alle 16,30, la Comunità Pastorale Maria Madre Immacolata con ingresso libero, grazie alla generosità della Fondazione Magnoni, organizza il terzo concerto della stagione autunnale di Musica e Poesia alla Chiesa di Loreto” manifestazione giunta ormai alla “XXI Stagione”.

Questi concerti grazie anche al notevole concorso di pubblico e, costituiscono ormai un classico appuntamento del pomeriggio domenicale con la musica da camera eseguita da artisti eccellenti.
Anche la chiesa della Santa Vergine di Loreto che è un importante sito storico-artistico rinascimentale ricco di pregevoli affreschi contribuisce a dare a questi concerti la giusta suggestione per fruire compiutamente della musica eseguita.


DOMENICA 13 ottobre 2019 
ore 16,30
Giuliano Bellorini
IL CLAVICEMBALO BEN TEMPERATO
Musiche di
JOHANN SEBASTIAN BACH
Varese - Chiesa di Loreto
Via Gasparotto 132

INGRESSO LIBERO

INFORMAZIONI  0332/289069 

con il patrocinio del Comune di Varese ed il contributo della Fondazione Magnoni


JOHANN SEBASTIAN BACH
IL CLAVICEMBALO BEN TEMPERATO

LIBRO II
1744


PRIMA PARTE
preludi e fughe I-II


preludio e fuga I in do maggiore BWV 870
preludio e fuga II in do minore BWV 871
preludio e fuga III in do diesis maggiore BWV 872
preludio e fuga IV in do diesis minore BWV 873
preludio e fuga V in re maggiore BWV 874
preludio e fuga VI in re minore BWV 875
preludio e fuga VII in mi bemolle maggiore BWV 876
preludio e fuga VIII in re diesis minore BWV 877
preludio e fuga IX in mi maggiore BWV 878
preludio e fuga X in mi minore BWV 879
preludio e fuga XI in fa maggiore BWV 880
preludio e fuga XII in fa minore BWV 881

clavicembalista
Giuliano Bellorini


clavicembalo di Elpidio Gregori, 1726
copia realizzata da Andrea Restelli, 1998

MUSICAL: “FAVOLE AL TELEFONO”, UN MUSICAL PER GRANDI E PICCINI A SARONNO


FAVOLE AL TELEFONO il MUSICAL

RIPARTE DA SARONNO IL TOUR NAZIONALE DI “FAVOLE AL TELEFONO”, UN MUSICAL PER GRANDI E PICCINI CHE CELEBRA I 100 ANNI DI GIANNI RODARI.

Teatro Giuditta Pasta (Saronno – VA)
domenica 13 ottobre | ore 16.00

FAVOLE AL TELEFONO

Regia e adattamento Raffaele Latagliata
Musiche originali Maestro Valentino Corvino, alla sua prima esperienza come compositore di una commedia musicale
Drammaturgia Pino Costalunga
Vocal Coach Shawna Farrell
Produzione Fondazione Aida e Centro Servizi Culturali Santa Chiara
In collaborazione con BSMT - Bernstein School of Musical Theatre
Per il centenario dalla nascita di Giani Rodari

Ma dove saranno finite le storie piene di fantasia che il ragionier Bianchi, era solito raccontare al telefono alla sua bimba ogni sera prima che questa si addormentasse? Che fine hanno fatto le dolcissime strade di cioccolato? I saporitissimi palazzi di gelato? Le tabelline paradossali?

Forse sono rimaste intrappolate proprio nel telefono che Giovannino ha trovato in cantina. Perdute nei suoi fili non riescono più ad uscire.

Il Tour Nazionale riparte proprio dal Teatro Giuditta Pasta di Saronno: domenica 13 ottobre alle ore 16.00.


Fondazione Aida e Centro Servizi Culturali Santa Chiara in collaborazione con BSMT - Bernstein School of Musical Theatre, in occasione del centenario dalla nascita di Gianni Rodari, presentano Favole al telefono una nuova “fiaba in musica” dedicata a tutta la famiglia, che raccoglie alcune delle più celebri favole e filastrocche di Gianni Rodari inserendole all'interno di una trama completamente originale in grado di parlare ai bambini di oggi e a quelli di allora.

Storie che in Favole al telefono torneranno a prendere vita sulla scena in un vero e proprio carosello musicale sotto forma di canzoni, racconti, filastrocche e piccoli numeri di varietà.

L'adattamento teatrale e la regia sono firmati da Raffaele Latagliata, che ha alle spalle un lungo percorso professionale come attore e regista sia nel teatro di prosa che in quello musicale, il quale ha curato anche la drammaturgia originale insieme a Pino Costalunga, autore esperto di letteratura per l'infanzia.

Le musiche, tutte originali, sono state composte dal Maestro Valentino Corvino, alla sua prima esperienza come compositore di una commedia musicale.

Il cast, composto da Massimo Finocchiaro (Giovannino), Andrea Rodi (Conte Cornetta), Marta De Zaiacomo (Madame Phonè), Francesca Brusati (Biancapagina) e Nicholas Rossi (Gettone), ha la direzione musicale di Shawna Farrell, direttrice della “BSMT-Bernstein School of Musical Theater” e considerata a tutt'oggi la più accreditata esperta in materia di musical in Italia.

Completano il team creativo Andrea Coppi per le scenografie, Antonia Munaretti per i costumi, Elisa Cipriani e Luca Condello, ballerini solisti del Corpo di ballo dell'Arena di Verona, che hanno ideato le coreografie.


SINOSSI

In scena Giovannino, un ragazzino particolarmente curioso e dalla spiccata fantasia, ha ritrovato in cantina il vecchio telefono della mamma; proprio quel telefono al quale, quando era bambina, il nonno era solito chiamarla per raccontarle ogni sera una favola prima di dormire.

Ma dove saranno finite tutte queste storie che la mamma ormai non ricorda più, si domanda Giovannino. Forse sono ancora lì dentro, conservate nella memoria del telefono. Ma quello strano apparecchio è così complicato con quella strana tastiera a disco. E così, per farsi aiutare, Giovannino ha deciso di portarlo a far riparare in un vecchio negozio di telefoni usati: gli Aggiusta Telefoni. Qui incontrerà quattro strani personaggi (lo scorbutico Conte Cornetta, la bizzarra Madame Phonè, la stralunata Biancapagina e l'intraprendente Gettone) grazie ai quali le favole torneranno magicamente a prendere vita.

Lo spettacolo Favole al Telefono non solo inaugura la Rassegna di Teatro Ragazzi ma anticipa l’apertura della Trentesima Stagione Teatrale del Teatro Giuditta Pasta. Al termine dello spettacolo aspettiamo tutti i bambini e le loro famiglie per una merenda gentilmente offerta da Galli al Teatro.

Vi aspettiamo numerosi per festeggiare tutti insieme i nostri primi 30 anni!

#30annidinoi


Teatro Giuditta Pasta (Saronno – VA)
domenica 13 ottobre | ore 16.00

FAVOLE AL TELEFONO

Regia e adattamento Raffaele Latagliata
Musiche originali Maestro Valentino Corvino, alla sua prima esperienza come compositore di una commedia musicale
Drammaturgia Pino Costalunga
Vocal Coach Shawna Farrell
Produzione Fondazione Aida e Centro Servizi Culturali Santa Chiara
In collaborazione con BSMT - Bernstein School of Musical Theatre
Per il centenario dalla nascita di Giani Rodari

EVENTO: GRAN GALA' PER TUTTI I FUTURI SPOSI A VILLE PONTI VARESE


DomaniMiSposo Grangala – 12-13 ottobre – Ville Ponti Varese
Viaggi di nozze dei Millennials sempre più green

I consigli di sostenibilità di CartOrange, che pianta alberi per compensare i viaggi aerei
La difesa dell’ambiente è un tema molto sentito dalla Generazione Y e gli sposi, in maggioranza appartenenti a questa fascia d’età, non vogliono rinunciare alle proprie abitudini “green” neanche durante il viaggio di nozze: trasporti a impatto zero, eco-resort ed esperienze nella natura.
CartOrange regala alle coppie il vademecum del turista responsabile e sostiene la riforestazione

Da sempre per gli italiani gli ingredienti irrinunciabili del viaggio di nozze sono mete da sogno, esperienze uniche e romanticismo. Ma negli ultimi tempi se ne aggiunge un altro: l’ecosostenibilità. Questa tendenza green sarà ben visibile anche a DomaniMiSposo Grangala, la manifestazione dedicata alle nozze che si terrà a Ville Ponti Varese il 12 e 13 ottobre. A guidare questo trend sono i Millennials, che oggi costituiscono la maggioranza dei neo-sposi, e per i quali la difesa dell’ambiente è un tema molto sentito: secondo i una ricerca di Morgan Stanley il 75% degli appartenenti alla Generazione Y ritiene che i loro investimenti possono influire sul cambio climatico. «Questa sensibilità si traduce in comportamenti e scelte d’acquisto che toccano molteplici ambiti, inclusi i viaggi di nozze: oggi le proposte per le lune di miele non possono non essere anche attente all’ambiente» spiega Eleonora Sasso del reparto marketing di CartOrange, la più grande azienda italiana di consulenti di viaggio, specializzata in viaggi di nozze arricchiti da esperienze uniche, che a DomaniMiSposo porterà tanti consigli ad hoc per una luna di miele green: «I nostri consulenti – prosegue Sasso – sanno accompagnare gli sposi in ogni aspetto, dalla scelta delle destinazioni più ecofriendly e degli alloggi sostenibili, fino alla pianificazione dei trasferimenti con mezzi alternativi all’aereo, che sono sempre più richiesti».

Per chi è in cerca di idee per un viaggio di nozze a basso impatto ambientale, i consulenti CartOrange hanno individuato le esperienze green ideali per cominciare la propria vita insieme con un gesto d’amore per il pianeta.

Rinunciare all’aereo – Le persone che si orientano su mezzi di trasporto alternativi all’aereo sono diventate un vero e proprio movimento. Per la luna di miele, per definizione il viaggio indimenticabile da fare una volta nella vita, è davvero difficile rinunciare alle destinazioni a lungo raggio che richiedono necessariamente di volare; però esistono tante alternative ai voli interni che possono trasformarsi in esperienze uniche. «Fra le proposte di maggior successo ci sono i viaggi in treno: USA coast to coast, l’Eastern & Oriental Express da Bangkok a Singapore, la Transiberiana. In generale, ci sono reti ferroviarie estremamente efficienti in Cina, Thailandia, Giappone. In quest’ultimo paese, poi, quando si noleggia un’auto si può tranquillamente richiedere un veicolo ibrido» spiega Eleonora Sasso. Meravigliosi anche i viaggi di nozze in barca a vela: caicco e catamarano sono mezzi perfetti per scoprire,in modo slow e rispettoso dell’ambiente, Caraibi, Polinesia, Sudest Asiatico, Seychelles e Maldive.

Pedalare – Il mezzo di trasporto a impatto zero per eccellenza è la bicicletta. «Magari con l’aiutino, cioè l’e-bike – spiega Eleonora Sasso –. Così diventa un mezzo davvero alla portata di tutti, ed è l’idea vincente per esplorare anche le grandi metropoli: a Sydney, per esempio, CartOrange propone un’escursione con guida che permette di toccare i luoghi di interesse più famosi della città, incluso un passaggio sull’Harbour Bridge». Dove ammirare il celeberrimo tramonto insieme sarà ancora più romantico, sapendo di non aver inquinato con il proprio viaggio. In Sudafrica con la bicicletta si visitano eccezionali vigneti (con degustazioni incluse), oppure si può optare per il segway per esplorare valli rigogliose e fattorie biodinamiche.         

Camminare – Un itinerario a piedi fra le montagne più belle del mondo, mano nella mano, è uno dei modi più belli e spirituali per cominciare la propria vita insieme. Non è necessario partire per trekking impegnativi però, spiega sempre Eleonora Sasso «A Bali, una delle mete per eccellenza delle lune di miele, è possibile staccarsi da spiagge e spa per inoltrarsi nella natura incontaminata, con proposte di soft trekking tra paesaggi di incredibile bellezza, flora e fauna tropicali e aziende agricole locali».

Osservare la natura (e contribuire alla sua difesa) – Per gli sposi che vogliono immergersi nella wildlife una delle mete di punta secondo CartOrange è il Canada. «Qui le diverse stagioni offrono la possibilità di osservare diversi animali: dalle balene, avvicinabili in kayak, a orsi e lupi, da osservare assieme alle guide e soggiornando in eco-lodge appositamente costruiti. Chi organizza queste esperienze, inoltre, devolve parte dei ricavi proprio alla conservazione della fauna» aggiunge Sasso. Indimenticabili anche le esperienze che si possono fare in Sri Lanka, tra cui la visita al centro di recupero elefanti del parco di Udawalawe: qui gli esperti si prendono cura dei piccoli rimasti orfani prima di riportarli nel loro habitat naturale. Il tutto in un’area protetta di oltre 30.000 ettari che si sostiene proprio grazie ai contributi dei visitatori.

Soggiornare in un eco-resort – Sono sempre di più le strutture ricettive che accettano la sfida di progettarsi, o riprogettarsi, in un’ottica sostenibile. Uno dei paesi più avanzati in questo senso è la Nuova Zelanda. Qui, spiega Eleonora Sasso, «Sono molto diffuse sia le fattorie che consentono ai visitatori di avvicinarsi al vero stile di vita dei pastori neo zelandesi, sia lodge di nuovissima concezione, completamente autosufficienti dal punto di vista energetico e con sistemi avanzati di recupero rifiuti. Così si può soggiornare con un impatto minimo in aree di grandissimo interesse naturalistico». Stesso discorso anche per l’Islanda, dove la natura incontaminata fa da scenario a eco-resort che si alimentano grazie all’energia geotermica naturalmente presente nel suolo.

Piantare alberi per compensare l’inquinamento aereo – Piantare alberi è certamente uno dei gesti più efficaci che si possono fare per compensare le emissioni inquinanti e combattere il cambiamento climatico. Se gli sposini non possono farlo direttamente, è CartOrange a piantare un albero per loro: con l’iniziativa#cartorange4planet, infatti, per ogni viaggio di nozze del Tour Operator CartOrange viene piantato un albero di cacao da agricoltura ecosostenibile in Camerun. «I clienti possono seguirne poi la crescita attraverso il sito web di Treedom – spiega Eleonora Sasso –. Con il proprio viaggio di nozze gli sposi contribuiscono quindi a far nascere una foresta». Oltre a questa iniziativa, i viaggiatori CartOrange ricevono anche il vademecum del turista responsabile, con consigli per muoversi in modo slow, fare acquisti consapevoli e preservare al meglio l’ambiente e la cultura dei luoghi che visitano.

FUNGHI: MOSTRA MICOLOGICA A LEGNANO CON 250 SPECIE DI FUNGHI IN ESPOSIZIONE


FUNGHI IN MOSTRA
A Legnano, sabato 12 ottobre apre la mostra micologica: 250 specie di funghi in esposizione

Compie 41 anni l’appuntamento autunnale di Antares organizzato con il supporto della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. Fino al 14 ottobre, ingresso libero 

I funghi tornano ad essere protagonisti dell’autunno legnanese. Si inaugura sabato 12 ottobre nella sala convegni della Famiglia Legnanese (via Matteotti 3) la 41esima mostra micologica “Funghi dal vero” promossa dall’associazione Antares di Legnano con il sostegno della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. L’esposizione, che viene proposta nella tradizionale formula di tre giorni da sabato12 a lunedì 14 ottobre, vede la presentazione di oltre 250 specie diverse di funghi, sia commestibili sia velenosi, allo scopo di diffondere la cultura micologica insegnando, quindi, a distinguere quello che si raccoglie nei boschi.
«Questo annuale appuntamento, che arriva nell’anno in cui Antares festeggia i 50 di attività, si è sempre contraddistinto per lo spirito formativo e di condivisione che fin dall’inizio è stato elemento peculiare dell’associazione», osserva il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Roberto Scazzosi. «Abbiamo confermato il sostegno all’attività dell’associazione perché crediamo fortemente in quella crescita culturale, oltre che economica, che arriva dal territorio stesso e che è espressione di una comunità viva e vitale. Elementi che caratterizzano profondamente Antares».
Confermato anche il Concorso Fungino aperto a tutti coloro che vogliono contribuire ad arricchire la mostra con specie diverse e rare. Domenica 13 ottobre, saranno premiati i raccolti più meritevoli presentati entro le 15.30.
La mostra si inserisce in un percorso di avvicinamento alla cultura micologica che l’associazione promuove nel periodo autunnale con una serie di incontri e lezioni pratiche di determinazione e classificazione dei funghi, alle quali è possibile portare anche il proprio raccolto, che si svolgono nella sede di via Ronchi 78 a Legnano. I prossimi appuntamenti sono previsti il 21 e 28 ottobre e il 4 novembre.

La 41esima mostra micologica “Funghi dal vero” è aperta sabato 12 ottobre dalle 15 alle 19; domenica 13 ottobre dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19; lunedì 14 ottobre dalle 9.30 alle 12.30. L’ingresso è libero.

EVENTO: FESTIVAL DEL GIORNALISMO DIGITALE TRA GOOGLE, VOCI D'AUTORE E RACCONTI MUSICALI


Festival del Giornalismo Digitale tra locale e globale
Quattro giorni, 45 incontri, 125 speaker

Dal 7 al 10 novembre, l’ottava edizione di Glocal a Varese con un programma che spazia da Google alle voci d’autore, dai racconti dei luoghi alla musica 

Quattro giorni con 45 incontri e 125 speaker coinvolgendo dieci location. È Glocal, il Festival del Giornalismo Digitale in programma a Varese dal 7 al 10 novembre. L’ottava edizione dell’evento si prefigge di andare a delineare il futuro della professione giornalistica offrendo un’angolazione particolare: come il racconto può modificare un territorio. Tra turismo e valorizzazione turistica, protagonisti della scena giornalistica e testimonianze d’autore, musica, sport e laboratori, Glocal guarda al giornalismo del futuro con gli occhiali delle nuove tecnologie.
«Sono scenari in continuo cambiamento quelli che ci troviamo ad affrontare», osserva Marco Giovannelli, ideatore di Glocal. «All’interno di una complessità sempre crescente, il giornalista di oggi è chiamato ad avere i piedi ben saldi nelle sue radici, in quell’etica che dà la rotta della professione, ma ad avere anche lo sguardo proteso ad una tecnologia che non smette mai di stupire. I nuovi mezzi non devono essere il fine, ma gli strumenti per raccontare la realtà».


Sono almeno quattro i fili conduttori del Festival 2019 che si intersecano ripetutamente in una tensione costantemente sospesa tra locale e globale. Il primo riguarda il ciclo di incontri organizzati con Google per comprendere scenari e cambiamenti e culmina nell’appuntamento (previsto il 9 novembre) con il vice president News di Google, Richard Gingras, chiamato a dialogare con Mario Calabresi, già direttore de la Stampa e di Repubblica.

Tra le “voci d’autore” spiccano le testimonianze di giornalisti quali Chiara Nielsen, vicedirettrice del settimanale Internazionale che da oltre dieci anni dirige il festival di Internazionale a Ferrara; Giuseppe Cruciani che insieme a Valerio Staffelli aprirà il Festival in un incontro organizzato dall’Ordine dei Giornalisti; Sandro Ruotolo che insieme alla direttrice di change.org Stephanie Brancaforte parlerà del circolo virtuoso tra giornalismo e attivismo.
Il “racconto dei luoghi” è la parte del Festival più estesa. I nuovi linguaggi del giornalismo in materia di turismo sono al centro di una serie di incontri dedicati al settore. Giornalisti, scrittori, blogger ed esperti dell’informazione si confronteranno sulle nuove frontiere della narrazione di viaggi, territori, destinazioni e cammini. Innovazione digitale, social network, big data, turismo esperienziale, sono solo alcuni degli argomenti al centro degli appuntamenti organizzati con l'obiettivo di avviare una riflessione sui cambiamenti che hanno interessato il mondo della comunicazione turistica.
Non certo ultima la musica: i rapper Tormento e Kaso saranno ospiti del Festival per raccontare di quando Varese era protagonista, negli anni Novanta, della scena hip hop italiana.

Come ogni anno, le serate nei tre giorni del Festival offriranno occasioni di incontro, spunti di riflessione e momenti conviviali: giovedì 7 novembre si ricorderanno “I vent’anni di Varesefocus”. Nella sala napoleonica del centro congressi Ville Ponti si ripercorreranno le tappe che hanno dato origine al magazine dell’Unione Industriali della Provincia di Varese. I protagonisti di alcune delle storie raccontate dalla rivista e i giornalisti che l’hanno resa importante punto di riferimento per il territorio saliranno sul palco per spiegare come un giornale può rappresentare un territorio e accrescerne il valore.
Venerdì 8 novembre, serata dedicata alla musica corale e all’esperienza dalla quale è nata Dovesicanta.it, piattaforma digitale che mette in contatto appassionati e professionisti del settore.
Sabato 9 novembre appuntamento con il grande basket. Lo sport che da sempre identifica la città di Varese sarà protagonista con alcuni dei suoi più illustri esponenti. A Ville Ponti verrà proiettato il documentario  “Parigi 1999, vent’anni dopo”, una raccolta di testimonianze di chi c’era e di chi ha vissuto l’intera cavalcata azzurra in quell’estate del 1999 che portò l’Italia a diventare campione d’Europa.
Gli ingressi alle serate sono liberi e gratuiti.

Confermati laboratori e workshop: Google Search, fotografia, podcast, tool ed uffici stampa, dati per il giornalismo e molto altro. Una serie di lezioni aperte a tutti e gratuite, per conoscere i nuovi strumenti della comunicazione.
Per il secondo anno consecutivo, inoltre, tornano i due premi dedicati al giornalismo multimediale e al data journalism e, naturalmente, BlogLab il laboratorio di giornalismo dedicato agli studenti delle superiori: le microredazioni si sfideranno raccontando storie con tutti gli strumenti, scrittura, foto e video, che il nuovo giornalismo mette a disposizione.

Il Festival Glocal è un’iniziativa organizzata grazie al prezioso supporto di un gruppo di partner tra cui i main sponsor Google e Sea; gli sponsor Caffè Chicco d’Oro, BTicino, Ubi banca, Openjobmetis, Coop Lombardia, Elmec, EOLO e Tigros. Il festival è patrocinato dalla Provincia di Varese, dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti e dall’Ordine dei Giornalisti della Lombardia; dall’Università degli Studi dell’Insubria e dalla LIUC- Università Cattaneo. Glocal è realizzato con la preziosa collaborazione della Camera di Commercio, del Consiglio Regionale della Lombardia, del Comune di Varese, di FAI - Villa Panza, Eo Ipso, Hagam e Anso. Un ringraziamento va inoltre all’Unione Industriali della provincia di Varese, CNA, Confartigianato, Uniascom, Teatro Santuccio, Presscommtech, Lindt, Disaronno, Cartolibreria centrale Boragno, SSML di Varese, Studio Volpi e Ubik.

IL PROGRAMMA DETTAGLIATO SU: 

GIARDINAGGIO: UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DELLE PIANTE ITALIANE PER CONOSCERE IL TOP DEL MADE IN ITALY


ANCHE IN PROVINCIA DI VARESE ALLA SCOPERTA DELLE PIANTE ITALIANE 

Ogni mese il viaggio di AICG tra le eccellenze verdi del Made in Italy 
#PIANTIAMOITALIANO 

Un viaggio entusiasmante sulle ali delle eccellenze “verdi” prodotte in Italia. Un viaggio lungo tutto l’anno, dove mese dopo mese, stagione dopo stagione, sono  protagoniste ortensie, piante aromatiche, succulente, peperoncini, agrumi, le stelle di Natale e molte altre piante che tutti conosciamo, ma forse non sappiamo che sono nate, cresciute nelle diverse regioni del nostro Paese dalle mani di florovivaisti esperti, così come nei centri giardinaggio italiani.

 “Alla scoperta delle piante italiane” è la nuova iniziativa nazionale promossa da AICG, l’Associazione Italiana Centri Giardinaggio, per far conoscere  le eccellenze Made in Italy.

In provincia di Varese aderiscono all’iniziativa Agricola Home & Garden di Varese, Nicora Garden con i punti vendita di Varese e Gazzada Schianno, Centro Verde Toppi e Eco-Park di Origgio e Floricoltura Bazzini di Cassano Magnago.

L’Associazione dei Garden Center, che è parte integrante della filiera florovivaistica italiana, ne sostiene la vastissima produzione, raccontando al consumatore finale l’origine della pianta, i territori di coltivazione, le lavorazioni, la crescita, la fioritura, fino ad arrivare alla vendita finale. Un percorso avvincente, tutto italiano.

Ogni mese nei centri di giardinaggio associati ad AICG, verrà promossa una pianta, o un gruppo di piante, fiore all’occhiello di ognuno dei diversi distretti florovivaistici italiani: su un grande albero, dove è disegnata la forma stilizzata dell’Italia, sarà indicata una regione rappresentativa di origine della pianta e una scheda ne racconterà caratteristiche e curiosità.

Ogni Centro Giardinaggio è parte integrante nel percorso delle produzioni florovivaistiche nazionali.

In ottobre tappa in Piemonte nelle zone dei laghi prealpini - in particolare il Lago Maggiore e la zona di Verbania - dove crescono rigogliose le piante acidofile.

Azalee, Camelie, Rododendri e Pieris ormai da molti anni, infatti, hanno trovato sulle sponde del Lago Maggiore un luogo di produzione ideale. Grazie al clima mite e temperato, l’assenza di gelo prolungato, di nebbia e di forti calure estive consentono alle piante una crescita rigogliosa.

A novembre il viaggio prosegue in Veneto e in Toscana, e in particolare nei distretti di Padova, Lucca e Pistoia, ma anche Emilia Romagna: sono solo alcune delle zone in cui vengono coltivate le piante da frutto in vaso, eccellenza italiana riconosciuta soprattutto per la biodiversità che rappresenta con il suo grande assortimento e la bontà di molte varietà (spesso tutelate da marchi, associazioni, consorzi di tutela, DOP, IGP, DE.CO. ecc…) e la distribuzione in quasi tutte le aree geografiche del Bel Paese.

Novembre, inoltre, è il mese ideale per porre a dimora o rinvasare le piante da frutto, poiché sono appena entrate nel riposo autunno-invernale.


A dicembre saremo di nuovo in Toscana, questa volta nella zona di Siena, ma anche in Lombardia, nella zona di Brescia, e in Puglia, nella zona di Bari, per scoprire le piante verdi da interno.

Questa nuova iniziativa targata AICG ha lo scopo di sensibilizzare ad un acquisto più consapevole, attento all’impatto ambientale e al risparmio energetico, oltre che diffondere la conoscenza delle colture italiane e dei loro sapienti coltivatori, da anni specializzati nella produzione di piante che rappresentano l’Italia, il  suo territorio e le sue eccellenze.

Preferendo le piante italiane si scelgono anche garanzia e qualità:  tutto il Paese è infatti punteggiato da  diversi distretti produttivi, che hanno fatto scuola presso i Centri Giardinaggio, ciascuno altamente qualificato nella produzione di particolari specie di piante, che vengono esportate anche all’estero, in grandi quantità.

….e non finisce qui…Il viaggio continua il prossimo anno!




L’Associazione Italiana Centri Giardinaggio (AICG) rappresenta un segmento fondamentale della FILIERA FLOROVIVAISTICA ITALIANA. Proprio perché seguendo le piante nell’ultima fase del processo produttivo e occupandosi della vendita al dettaglio delle stesse, i Garden Center hanno tutti gli strumenti per raccontare al meglio le eccellenze produttive del Florovivaismo Nazionale.

Oltre a diffondere la Cultura del Verde, la sostenibilità ambientale da raggiungere con la massima diffusione delle piante e l’implementazione degli spazi verdi.

I DISTRETTI FLOROVIVAISTICI ITALIANI, i loro territori, possono essere conosciuti ed apprezzati anche grazie alle piante prodotte, vere eccellenze del Made in Italy, proposte e vendute diffusamente nei Centri Giardinaggio AICG.

Per informazioni:

AICG Associazione Italiana Centri Giardinaggio

www.aicg.it - segreteria@aicg.it - tel. 031/301037

FIORI IN MOSTRA: 100 SFUMATURE DI VIOLE FA TAPPA A ORIGGIO E LAVENO MOMBELLO


MOSTRA “100 SFUMATURE DI VIOLE”
terza edizione 

SABATO 12 E DOMENICA 13 OTTOBRE ANCHE  A LAVENO MOMBELLO E ORIGGIO
L’EVENTO ITINERANTE ALLA SCOPERTA DI UNO DEI FIORI PIU’ AMATI DI SEMPRE 

Un fascino senza tempo. Un fiore tra i più amati di sempre. In passato era così popolare in tutta Europa che Shakespeare la cita nell’Amleto e nella Dodicesima notte.
È la viola, dal profumo delicato e facile da coltivare, che torna a essere protagonista dell’autunno con la terza edizione di “100 sfumature di Viole”, in programma nei Centri di Giardinaggio italiani dal 28 settembre al 20 ottobre.

In provincia di Varese l’appuntamento è per sabato 12 domenica 13 ottobre da Garden Brianza di Spertini Giuseppe a Laveno Mombello e da Eco-Park a Origgio. 

Accompagnato da personale esperto, il pubblico potrà scoprire e conoscere oltre cento varietà di viole di ogni colore e in fiore. Novità di questa edizione saranno le viole multicolors – una serie di viole a fiore piccolo abbinate a tre a tre nello stesso vaso con straordinari effetti di colori armonici, dai più sfumati alle tonalità più decise – e la nuova serie con 20 colori di miniviole, dal portamento particolarmente vigoroso e tappezzante, ideale per realizzare aiuole e far fiorire grandi spazi, contraddistinte dalla sigla MINIPA, cioè MINIviole Paesaggistiche.

La pennellata di colori e sfumature delle viole in mostra quest’anno sarà ancora più variegata con tanti nuovi colori, come le viole ricadenti “Strawberry Swirl” (fragola con giallo), “Strawberry” (fragola) e “Raspberry swirl” (lampone con giallo).

La mostra itinerante ha un duplice obiettivo, divulgativo e culturale: raccontare le possibilità che la viola offre anche in autunno dando informazioni sulla sua coltivazione e far scoprire tante curiosità su questo fiore apparentemente semplice. Forse infatti non tutti sanno che le viole tendono a orientare la maggior parte dei fiori verso sud, verso il sole, perciò un’aiuola guardata da sud avrà un effetto estetico notevole e sicuramente più fiorito che se osservata da un altro lato!

È vero, viole, violette, viole odorose e viole del pensiero fioriscono in primavera, ma è trapiantandole in autunno che si ottengono le migliori fioriture. Se invece si scelgono le miniviole e miniviole ricadenti si avranno balconi fioriti anche in inverno. Perché il pollice verde non va mai in vacanza!





Le Viole in mostra



- Miniviole ricadenti: perfette per i balconi che vogliono rimanere fioriti anche in autunno-inverno, fino a quando la primavera permetterà di mettere all’aperto nuovamente gerani, surfinie e altro. Sono infatti straordinarie nella fioritura (una pianta può arrivare a portare 250 fiori contemporaneamente a pieno sviluppo), ottime nella capacità di fiorire anche in inverno perché resistenti al gelo. Il pubblico potrà ammirarne 25 colori tra i quali 3 nuovi: “Strawberry Swirl” (fragola con giallo), “Strawberry” (fragola), “Raspberry swirl” (lampone con giallo) che si affiancano al “Raspberry” (lampone) già introdotto lo scorso anno.

Nelle mostre saranno disponibili in vaso da 14 cm di diametro, ideali per balconette e ciotole. Saranno disponibili anche basket molto grandi e soprattutto sacche da appendere, perfette per abbellire pilastri, colonne, pareti o anche balconi e porte d’ingresso.



- Miniviole: rappresentano certamente il gruppo più interessante per le viole da aiuola. Insieme alla miniviole ricadenti sono le uniche viole capaci di fiorire anche in inverno, infatti non temono il gelo, resistono fino a -30C°!

Quest’anno per “100 sfumature di viole” ci sarà anche nuova serie di miniviole che comprende circa 20 colori, con un portamento particolarmente vigoroso e tappezzante, ideale per realizzare aiuole e far fiorire grandi spazi. Queste nuove miniviole saranno contraddistinte dalla sigla MINIPA, cioè MINIviole Paesaggistiche, proprio per sottolinearne l’attitudine all’uso in aiuole e spazi aperti.
L’origine di queste varietà è in buona parte frutto del lavoro di aziende italiane, che si occupano con impegno e competenza della selezione sulle viole. Nelle mostre queste piante saranno riconoscibili grazie al vaso di colore rosa.

- Viole multicolors: tra le novità di questa edizione, si tratta di una serie di viole a fiore piccolo, coltivate in un vaso da 14 cm di diametro, abbinate a tre a tre nello stesso vaso, con una logica di colori armonici e coordinati. Saranno tre i tipi di abbinamenti, con colori da sfumati a decisi.

- Viole odorose: conosciute anche come violette di Parma, sono una specie dai cui fiori si ottengono svariate essenze fondamentali per la creazione dei profumi a base di violetta. Si tratta di una pianta perenne, che fiorisce in primavera. Durante “100 sfumature di viole” verrà presentata senza fiori, ma una volta portata a casa e coltivata nel suo stesso vaso o in uno più grande, arriverà a primavera con la nuova stupenda fioritura. Per il pubblico saranno disponibili diversi colori, dal bianco al porpora passando per diversi gradi di blu e rosa. Se piantata in giardino diventa una perenne che durerà per diversi anni.

- Viole cornute: hanno una bellissima faccetta, grazie alla macchia centrale di colore che sembra guardare l’osservatore e resistono al gelo. Tra le diverse varietà, in mostra avrà ampio spazio la cornuta nera, elegantissima, soprattutto se abbinata con cornute bianco o giallo.

- Viola del pensiero: sono ancora la famiglia più importante e più diffusa di viole. Bellissime in autunno, straordinarie in primavera. Resistono al gelo e grazie alla gamma di colori disponibili permettono di realizzare le aiuole quasi come se fossero dipinte, uscite dalla mano di un pittore allegro ed elegante. Bellissime le classiche giallo o giallo con occhio, incredibilmente luminoso il bianco puro, ma elegantissimo anche il colore blu, blu con occhio, porpora.

Tutte le viole in mostra potranno essere acquistate.



Per l’elenco dettagliato dei Centri di Giardinaggio che ospiteranno la mostra:

https://www.facebook.com/cosinaturalmente/

SOLIDARIETA': VALBOSSA IN ROSA CONTRO IL CANCRO AL SENO


Valbossa in Rosa, dieci Comuni del Varesotto, una Bcc, associazioni e commercianti uniti nella lotta al cancro al seno

Dal 12 al 26 ottobre la provincia di Varese si mobilita con un'intensa e trasversale campagna di sensibilizzazione per promuovere la prevenzione. Azzate in Valbossa con Caos onlus, Andos onlus, ASST Sette Laghi, Opi Varese, Fondazione comunitaria del Varesotto e il sostegno della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate propongono sette appuntamenti tra incontri, visite e iniziative conviviali

La comunità è un prezioso alleato nella prevenzione al cancro al seno. Lo sa bene Azzate in Valbossa, associazione che ha raccolto oltre trenta realtà del territorio per dare vita alla prima edizione di Valbossa in Rosa, una campagna informativa e di sensibilizzazione sull’importanza di fare prevenzione nella lotta al tumore al seno.
Dal 20 al 26 ottobre, con un’anticipazione sabato 12 ottobre, propone in collaborazione con Caos onlus (Centro ascolto operate al seno), Andos onlus (Associazione nazionale donne operate al seno) comitato di Varese, ASST Sette Laghi, Opi Varese (Ordine delle professioni infermieristiche), Centro di ricerche in senologia dell’Università dell’Insubria, Fondazione Comunitaria del Varesotto e il sostegno della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate sette appuntamenti per non abbassare la guardia: due open day per visite senologiche, una castagnata, una mattinata di pilates, la cena della salute, una serata informativa e di sensibilizzazione sulla prevenzione oncologica e uno spettacolo teatrale benefico. Il tutto dedicato ai dieci Comuni della Valbossa: Azzate, Bodio Lomnago, Brunello, Buguggiate, Castronno, Cazzago Brabbia, Crosio della Valle, Daverio, Galliate Lombardo e Inarzo.
«Ci muove la passione per il nostro territorio e la volontà di creare occasioni per valorizzarlo. A questa iniziativa abbiamo avuto un’adesione incredibile, segno di una comunità attenta e sensibile», ha detto Carlo Arioli portavoce di Azzate in Valbossa aprendo la conferenza stampa di presentazione alla presenza di Emanuele Monti, presidente della terza commissione Sanità e Politiche Sociali di Regione Lombardia e del presidente della Provincia di Varese Emanuele Antonelli.
Il quadro è preoccupante: «Più di mille donne all’anno si ammalano di tumore alla mammella in provincia di Varese. In Italia i nuovi casi annuali sono più di 53 mila», ha osservato Francesca Rovera, responsabile SSD Breast Unit ASST Sette Laghi e direttore centro ricerche in senologia Università dell'Insubria. «Questo dato inquietante si allinea ad un altro dato molto rassicurante: la guarigione supera il 95% se la diagnosi è precoce. Questo invita la società civile ad una sensibile riflessione, alla quale seguono azioni concrete, mirate a portare un contributo di valore al benessere dell’universo femminile».
Valbossa in Rosa vuole essere una prima azione concreta. Come ha aggiunto Adele Patrini, presidente di Caos onlus: «Viviamo nell’era della medicina del dialogo dove comunicare è rendere più partecipi i cittadini. Eventi come questo agiscono sulla prevenzione primaria, alimentazione e stili di vita, su quella secondaria, attraverso le visite, sull’informazione e sulla rete: è un mondo che si stringe attorno al cancro al seno». Un mondo molto esteso: «La partecipazione è veramente molta: segno che il tema è sentito e c’è voglia di fare prevenzione», ha aggiunto Renata Maggiolini vicepresidente di Andos onlus.
La rete solidale che si è raccolta attorno a Valbossa in Rosa, ha creato un palinsesto che va dalla scienza alla clinica, dalla cultura al convivio, abbracciando un concetto etico che rende onore a questa battaglia di civiltà. «È una comunità che si mobilità; un territorio che fa sinergia per rispondere ad un’emergenza», ha affermato il vicepresidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Diego Trogher. «Il tema della prevenzione è un tema che unisce e che deve portarci ad essere maggiormente sensibili. Un appello cui la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate ha risposto prontamente nella convinzione di essere non solamente istituto di credito di questo territorio, ma soprattutto volano per far crescere una comunità».
E una testimonianza di forza arriva anche dall’arte. In occasione di Valbossa in Rosa, l’artista Mario da Corgeno ha realizzato l’opera “L’acuto del dolore” quale sprono a reagire, a muoversi per giocare d’anticipo.

Il programma si apre sabato 12 ottobre con visite senologiche gratuite proposte presso l’ambulatorio comunale di Azzate (via Acquadro 4): dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16 su prenotazione contattando il numero 0332.284502. L’iniziativa viene ripetuta sabato 26 ottobre dalle 9.30 alle 13.30, sempre su prenotazione chiamando il 348.6741083 (dalle 9 alle 11 e dalle 15 alle 17).

La settimana dedicata alla prevenzione si apre ufficialmente con la Castagnata e festa di solidarietà in piazza, a partire dalle 14 nella piazza della Pesa di Azzate domenica 20 ottobre (in caso di maltempo la manifestazione viene rinviata a domenica 27 ottobre).
Lunedì 21 ottobre a partire dalle 10, alla palestra Infiniti Percorsi (piazza Cairoli 4, Azzate), una lezione di pilates seguita da aperitivo a tema. Per prenotazioni: 333.2492866.
Martedì 22 ottobre alle 19.30 la cena della Salute” a base di prodotti bio e naturali al Centro Anziani di Buguggiate (via Trieste 33) presentata da Erika Vecchio, biologa e nutrizionista. Per prenotazioni: 348.2268566.
Giovedì 24 ottobre, alle 18.30, nella sala consiliare del Comune di Azzate (via Castellani 1) l’incontro dedicato informativo e di sensibilizzazione dedicato alla prevenzione oncologica. Intervengono: Emanuele Monti, presidente terza commissione Sanità e Politiche sociali di Regione Lombardia; Francesca Rovera, direttore SSD Breast Unit ASST Sette Laghi; Linda Bascialla, oncologo ospedale di Circolo Varese; Giovanna Iula, case manager SSD Breast Unit ASST Sette Laghi; Luisella Ferrari, psicologa clinica Andos Varese; Renata Maggiolini, vicepresidente Andos Varese e Adele Patrini, presidente associazione Caos. Modera l’incontro Gianni Spartà, presidente Varese per l’Oncologia.
Venerdì 25 ottobre, alle 20.45, al cinema Castellani di Azzate (via Acquadro 32) lo spettacolo teatrale “Non è vero ma ci credo” in favore delle associazione Andos e Caos. Commedia di Peppino De Filippo messa in scena dalla compagnia Attori in Circolo. Biglietti disponibili ad invito; per informazioni 339.6779440 oppure 0332.284502.

Valbossa in Rosa è promosso da Azzate in Valbossa in collaborazione con Caos, Andos comitato di Varese, ASST Sette Laghi, Opi Varese, Centro di ricerche in senologie dell’Università dell’Insubria, Fondazione Comunitaria del Varesotto, L’Alverare Odv, Associazione Commercianti Azzate, Associazione Alpini gruppo di Azzate, Proloco Azzate, Associazione nazionale Carabinieri, con il patrocinio della Provincia di Varese e del Comune di Azzate e con il sostegno, tra gli altri, della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate.

giovedì 3 ottobre 2019

TEATRO: AL VIA LA STAGIONE DEL MANZONI DI BUSTO ARSIZIO CON "L’HO FATTO PER IL MIO PAESE"


CON "L’HO FATTO PER IL MIO PAESE" AL VIA LA STAGIONE DEL MANZONI DI BUSTO ARSIZIO

A Busto Arsizio riparte la stagione teatrale del Manzoni - TUTTO IL PROGRAMMA

Riparte la stagione teatrale del Cinema Teatro Manzoni: otto spettacoli, tra prosa e commedie, intratterranno il pubblico fino ad aprile, con possibilità come sempre di sottoscrivere
l’abbonamento per l’intera rassegna. Il primo appuntamento è martedì 8 ottobre ore 21 con la commedia in due tempi L’ho fatto per il mio Paese (Produzione La Bilancia) di Francesco Freyrie, Andrea Zalone e Antonio Cornacchione, per la regia di Daniele Sala, con Antonio Cornacchione e Ippolita Baldini. Le scene sono di Leonardo Scarpa, luci e costumi a cura di Daniele Sala.

Immaginatevi un uomo (Conacchione), candido e incasinato, capace di sogni sconfinati che parlano di libertà, uguaglianza e felicità per tutti. Un “donchisciotte” sempre comicamente in lotta con gli spigoli della vita, senza soldi, con la disdetta dell’affitto in una tasca e la lettera di fine rapporto di lavoro nell’altra.

Disilluso e disperato, si rende artefice di un gesto estremo e un po’ maldestro: rapire l’onorevole autrice della riforma che ha cancellato la sua pensione! Lo fa per sé, ma anche e soprattutto lo fa per il suo Paese.

Mettete dall’altra parte una donna Ministro (Baldini), stimata docente universitaria, sposata con un ricco finanziere, che vive in un ambiente raffinato secondo valori solidissimi e che è scesa in politica solo per fare un favore al suo Paese… ma un po’ anche a se stessa, nella speranza di colmare il vuoto della solitudine. E poi immaginate l’urto di questi due mondi e i suoi effetti tragicomici. Il risultato è una commedia appassionata, folle e contemporanea, specchio della crisi economica e politica del nostro Paese.

Titolo: L’HO FATTO PER IL MIO PAESE
Data: martedì 8 ottobre 2019 ore 21.00
Genere: Commedia
Produzione: LA BILANCIA Produzioni Teatrali
Autori: Francesco Freyrie, Andrea Zalone e Antonio Cornacchione
Regia: Daniele Sala
Cast: Antonio Cornacchione e Ippolita Baldini
 C osto del biglietto: Poltronissima Euro 33,00 - Poltrona Euro 30,00 - Poltrona ridotto* Euro 27,00 - Galleria
Euro 28,00 - Galleria ridotto* Euro 25,00
Botteghino: via Calatafimi, 5 - da lunedì a venerdì dalle 17.00 alle 19.00 - tel. 0331677961
Erika Montedoro Cinema Teatro Manzoni
Ufficio Stampa Cinema Teatro Manzoni Via Calatafimi, 5 - 21052 Busto Arsizio VA
stampa@cinemateatromanzoni.it www.cinemateatromanzoni.it
Vendita biglietti online: www.cinemateatromanzoni.it


STAGIONE TEATRALE 2019-2020

Martedì 8 ottobre 2019 - ore 21.00
L’ho fatto per il mio paese di Freyrie, Zalone e Cornacchione
Commedia - Regia Daniele Sala - con A. Cornacchione e I. Baldini
Prevendita da martedì 1°ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019 - ore 21.00
Non si uccidono così anche i cavalli? Tratto dal romanzo di H. McCoy
Prosa con musiche - Regia Giancarlo Fares - con Giuseppe Zeno
Prevendita da venerdì 18 ottobre 2019

Giovedì 14 novembre 2019 - ore 21.00
Vincent Van Gogh. L'odore assordante del bianco di Stefano Massini
Prosa - Regia Alessandro Maggi - con A. Preziosi
prevendita da giovedì 7 novembre 2019

Giovedì 5 dicembre 2019 - ore 21.00
Il silenzio grande di Maurizio De Giovanni
Prosa - Regia Alessandro Gassmann - con Massimiliano Gallo e Stefania Rocca
Prevendita da giovedì 28 novembre 2019

Venerdì 10 gennaio 2020 - ore 21.00
Belle ripiene di G. Ricciardi e M.R. Piparo
Prosa - Regia M. Romeo Piparo - con R. Brescia, T. D’Aquino, R. Lanfranchi e S. Sardo
Prevendita da venerdì 3 gennaio 2020

Mercoledì 5 febbraio 2020
A che servono gli uomini di Iaia Fiastri
Commedia brillante - Regia Lina Wertmüller - con Nancy Brilli
Prevendita da mercoledì 29 gennaio 2020

Venerdì 20 marzo 2020 - ore 21.00
L'avaro da Molière - Traduzione e adattamento V. Cavalli
Prosa - Regia: V. Cavalli e C. Intropido - con Compagnia MTM Teatro
Prevendita da venerdì 13 marzo 2020

sabato 4 aprile 2020
Maurizio IV. Un Pirandello Pulp di Edoardo Erba
Prosa con musiche - Regia Gianluca Guidi - con G. Guidi e G. Ingrassia
prevendita da venerdì 27 marzo 2020prevendita da venerdì 27 marzo 2020

INFO
Biglietti: Poltronissima Euro 33,00 - Poltrona Euro 30,00 - Poltrona ridotto* Euro 27,00 - Galleria Euro 28,00
- Galleria ridotto* Euro 25,00 + diritti di prevendita Euro 1,00
Abbonamenti: Poltronissima Euro 182,00 - Poltrona Euro 152,00 - Poltrona ridotto* Euro 134,00 - Galleria
Euro 134,00 - Galleria ridotto* Euro 118,00
*Riduzioni previste: giovani fino ai 21 anni, ultra 65enni, per gruppi con minimo 10 persone (CRAL, scuole,
biblioteche, dopolavoro e associazioni).
Da martedì 17 settembre prevendita abbonamenti aperta ai nuovi abbonati.
Da lunedì 30 settembre prevendite biglietti e abbonamenti aperte a tutti. Dalla stessa data ogni spettacolo
sarà acquistabile online su www.cinemateatromanzoni.it
Orari del botteghino: da lunedì a venerdì dalle ore 17:00 alle 19:00.
Informazioni disponibili anche su www.teatro.it
La prevendita di ogni singolo spettacolo parte una settimana prima della data dello spettacolo.

EVENTO: GARDEN FESTIVAL D’AUTUNNO ANCHE A VARESE CON TANTE INIZIATIVE PER TUTTI


GARDEN FESTIVAL D’AUTUNNO ANCHE A VARESE
Quarta edizione nei Centri di Giardinaggio AICG in tutta Italia 
Anche a Varese Laboratori e letture per i più piccoli in occasione della Festa dei nonni 5 e 6 ottobre 

Nell’ambito del Garden Festival d’Autunno (in corso fino al 20 ottobre), l’iniziativa nazionale organizzata dall’Associazione Italiana Centri Giardinaggio che coinvolge tantissimi Centri di Giardinaggio in tutta Italia – il 5 e 6 ottobre in occasione della festa dei Nonni, in tutti i garden center aderenti si terranno moltissime iniziative per avvicinare al modo del verde i più piccoli coinvolgendo anche i nonni, con letture di fiabe e workshop, come il laboratorio per realizzare le “Seed bombs”, bombe di semi con argilla, terriccio ricco, un misto di semi e acqua.

A Varese partecipano all’iniziativa Eco-park srl/Garden Pravettoni e Centro del Verde Toppi entrambi ad Origgio e Agricola Home&Garden a Varese.

IL CICLAMINO

Protagonista del Garden Festival d’Autunno è anche il ciclamino rosa, fiore autunnale e invernale per eccellenza e fiore portafortuna, con le sue numerose varietà e sfumature, una vera e propria tavolozza cromatica con la quale dipingere i nostri spazi verdi per l’Autunno.

NASTRO ROSA PER AIRC: IL CICLAMINO SOLIDALE

Nell’ambito del Garden Festival d’Autunno, AICG ha scelto di sostenere anche quest’anno la Campagna “Nastro Rosa AIRC”: per tutto il mese di ottobre, per ogni vaso di ciclamino di colore rosa venduto, i Centri di Giardinaggio aderenti devolveranno 1 euro a sostegno dei progetti di ricerca sul tumore al seno della Fondazione AIRC.

www.aicg.it

Nei Centri di Giardinaggio AICG in tutta Italia
Fino al 20 ottobre 2019
(weekend clou: 5-6 e 19-20 ottobre)

#gardenfestival #autunnoingarden

L’Autunno è una nuova Primavera.
Il trend climatico stagionale degli ultimi anni regala nei mesi di settembre e ottobre temperature miti e gradevoli che invogliano a vivere sempre più il giardino, il balcone e gli spazi aperti e verdi.
In questo periodo – e fino all’inverno – rifioriscono le rose, le dalie, gli astri (o settembrini), a volte il glicine, e si mettono a dimora i bulbi a fioritura primaverile (tulipani, narcisi, giacinti, crocus, anemoni, muscari, iris, nerine, zantedeschia, scille, frittilarie…), gli arbusti e le piante perenni da fiore, quelle da frutto e gli alberi d’alto fusto. Si inizia a potare, a lavorare e concimare il terreno di orti e giardini, a sostituire il terriccio dei vasi su balconi e terrazzi in preparazione della primavera e a concimare le piante d’appartamento dopo lo stress estivo.
L’Autunno quindi è la stagione del fare, una stagione di attività e fermento che AICG, Associazione Italiana Centri Giardinaggio, vuole celebrare con il Garden Festival d’Autunno, un grande evento nazionale ricco di iniziative per grandi e bambini che si tiene fino al 20 ottobre in tutta Italia nei Centri di Giardinaggio associati ad AICG.
È proprio nei Garden Center che si possono trovare le competenze, le consulenze, le materie prime, gli strumenti, le attrezzature da giardinaggio, informazioni, idee e consigli per le attività green: luoghi dove potersi confrontare con gli esperti del settore, partecipare a workshop e laboratori, imparare nuove tecniche colturali.

Le piante sono anche una risorsa fondamentale per il benessere delle persone e del Pianeta. Attorniarsi di nuovi esemplari ha un doppio effetto benefico: non solo aiuta a costruire un ambiente migliore e a vivere in modo più sano, ma contribuisce anche ad attutire gli effetti del riscaldamento globale che tanti danni sta provocando alla Terra.

Acidofile, le eccellenze Made in Italy di ottobre proposte nel Garden Festival
Quest’anno il Garden Festival d’Autunno si amplia dando spazio anche alla produzione di piante Made in Italy, ricca di eccellenze che AICG intende valorizzare attraverso un progetto di promozione delle piante italiane. Alla scoperta delle piante italiane, questo il nome della nuova iniziativa, ha lo scopo di sensibilizzare a un acquisto più consapevole, attento all’impatto ambientale e al risparmio energetico.
È un vero e proprio viaggio alla scoperta delle eccellenze verdi lungo tutta la penisola: ogni mese, a partire da ottobre, verrà promosso un gruppo di piante - proposte con i colori tipici della bandiera italiana: nell’ambito del Garden Festival d’Autunno i riflettori saranno puntati sulle acidofile, che crescono rigogliose, ad esempio, sul Lago Maggiore (ottobre).

Ciclamino “Portafortuna”, coloriamo di rosa il nostro spazio verde
Con l’arrivo dell’Autunno il ciclamino, fiore autunnale e invernale per eccellenza declinato in molti colori, fa la sua comparsa regale sui banchi dei Garden Center.
Il ciclamino era conosciuto fin dall’antichità. Anche lo scrittore e naturalista latino Plinio il Vecchio ne parla nei suoi scritti sottolineando l’importanza del ciclamino come amuleto: chi lo piantava infatti veniva protetto dai malefici.
Quindi quest’anno il protagonista del Garden Festival d’Autunno è ancora il ciclamino rosa, fiore portafortuna con le sue numerose varietà e sfumature, una vera e propria tavolozza cromatica con la quale dipingere i nostri spazi verdi per l’Autunno.
Robusto e resistente al freddo, il ciclamino è particolarmente semplice da coltivare per tutti, grandi e piccoli, esperti e principianti del verde, ed è perfetto per colorare davanzali, balconi e terrazzi.

Nastro Rosa AIRC, il ciclamino solidale
Nell’ambito del Garden Festival d’Autunno, AICG ha scelto di sostenere anche quest’anno la Campagna “Nastro Rosa AIRC”: per tutto il mese di ottobre, per ogni vaso di ciclamino di colore rosa venduto, i Centri di Giardinaggio aderenti devolveranno 1 euro a sostegno dei progetti di ricerca sul tumore al seno della Fondazione AIRC.
Ottobre è infatti il mese di sensibilizzazione dedicato al tumore al seno e anche AICG vuole ricordare l’importanza della prevenzione e dimostrare la sua vicinanza alle donne che stanno affrontando questa malattia, che in Italia colpisce una donna su otto nell’arco della vita e rappresenta la neoplasia più frequente nel genere femminile.

Le iniziative
Molte le iniziative, anche di carattere formativo, e gli eventi in programma nei tantissimi Centri di Giardinaggio che aderiscono al Garden Festival d’Autunno, come il laboratorio “I nonni raccontano”, con letture in occasione della Festa dei Nonni nel weekend del 5 e 6 ottobre e la grande festa finale aperta a tutti (19 e 20 ottobre).
All’interno di ogni singolo Garden si trovano aiuole dimostrative e didattiche allestite con piante da giardino tipiche dell’Autunno e di grande fascino in questa stagione, composizioni uniche e creative dalle quali trarre nuove idee e ispirazioni da riproporre nel proprio giardino o balcone. Il Garden Festival è l’occasione giusta per ricevere indicazioni dagli esperti presenti nei Garden Center sulle tecniche colturali migliori per le piante proposte. A corredo di tutto ciò, una brochure informativa realizzata con i soci sostenitori di AICG dove riscoprire i grandi classici autunnali reinterpretati.
Non solo, si tengono corsi, laboratori ed eventi per tutti, grandi e piccini, esperti di giardinaggio e non, per scoprire le attività di giardinaggio più utili del periodo autunnale: la piantumazione dei bulbi a fioritura primaverile (tulipani, narcisi, giacinti, crocus, anemoni, muscari, iris, nerine, zantedeschia, scille, frittilarie…) e la messa a dimora delle piante che consenta un corretto sviluppo radicale per un’esplosione della crescita con la bella stagione.
Per i piccoli giardinieri in erba viene riproposto il laboratorio “Pianta un bulbo”: i più piccoli, nell’affidare alla custodia della terra un piccolo bulbo resteranno sorpresi in primavera da un’incredibile esplosione fiorita imparando il valore dell’attesa e delle cure da dedicare a ciò a cui si tiene di più.



Per l’elenco di tutti i Centri Giardinaggio aderenti all’iniziativa Garden Festival d’Autunno 2019 consultare il sito www.aicg.it (online a breve e in continuo aggiornamento).

AICG
È un ente senza scopo di lucro – con sede a Verona - costituito nel 2012 per sviluppare un’identità professionale e un processo virtuoso di sviluppo delle aziende che operano nel settore specializzato del giardinaggio e florovivaismo (centri di giardinaggio o Garden Center).
L'Associazione ha lo scopo di tutelare, qualificare, promuovere e sviluppare la cultura del verde, con una particolare attenzione alle piante italiane, all’interno dei centri giardinaggio.


Per informazioni:
AICG Associazione Italiana Centri Giardinaggio
www.aicg.it – segreteria@aicg.it - tel. 031/301037

TEATRO: LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO DI CUASSO AL MONTE


Al Teatro di Cuasso al via la Stagione 2019/20 diretta da Paolo Franzato, fino a giugno 2020 un fitto programma di spettacoli

Punto di riferimento del territorio sia per le proposte culturali e pedagogiche realizzate dal Direttore Artistico Paolo Franzato, sia per le numerose iniziative aggregative svolte dalla vivace Pro loco, il Nuovo Teatro di Cuasso in questi ultimi due anni ha vissuto una vera rinascita e un autentico rinnovamento, con grande partecipazione di pubblico.
Iniziata lo scorso 15 settembre con un delizioso concerto con musicisti internazionali, la Stagione Teatrale 2019/2020 al teatro cuassese di via Roma entra ora nel vivo con una programmazione intensa e diversificata di spettacoli di vario genere. Tanti gli eventi artistici dal 26 ottobre 2019 al 20 giugno 2020, fra prosa e musica, spettacoli comici e per bambini, teatro della mente e gruppi canori, ricercando strade alternative, coinvolgenti, divertenti, per chi desidera con gioia e stupore frequentare i sentieri delle arti. Tra i protagonisti Urbano Moffa, Fazio Armellini, Alex Ballarini, la Compagnia Roggero, i Dirty Dolls, la Compagnia Gli Improbabili, la Back Cover Band, il Teatro Franzato, Giovanni D’Angella e il John Paul II Choir. A giugno gli ultimi due appuntamenti si svolgeranno presso il teatro all’aperto di Via Cacciatori delle Alpi.
In programma anche l’educazione e la formazione teatrale con il laboratorio rivolto ai ragazzi facente parte la 25^ edizione della prestigiosa Accademia Teatro Franzato, di cui il teatro cuassese è una delle quattro sedi della provincia di Varese, e le cui relative attività partiranno da gennaio 2020.
Ingressi spettacoli serali:
- 10 euro biglietto intero
- 8 euro biglietto ridotto (ai ragazzi fino ai 13 anni e ai pensionati)
Abbonamento ai 6 spettacoli serali: 50 euro.
Ingresso spettacolo pomeridiano del 6 gennaio 2020:
- 8 euro biglietto intero
- 6 euro biglietto ridotto (a bambini e ragazzi fino ai 13 anni)
Sconto famiglia (2 genitori + 1 figlio o 1 genitore e 2 figli): 20 euro.

Info e Prenotazioni: tel. 347.4312170 – 338.7851800
Social: www.facebook.com/nuovoteatrodicuasso
Direzione Artistica: Paolo Franzato
Organizzazione e amministrazione: Pro Loco Cuasso (Presidente Roberto Tamiazzo)
Coordinamento, promozione, formazione e ufficio stampa: Teatro Franzato



Calendario e presentazione degli Spettacoli:
 
TEATRO
Sabato 26 Ottobre 2019, ore 21.00: “Perché un fagiano vola e un foggiano no...” di e con Urbano Moffa, con il M° Fazio Armellini - (spettacolo comico con musica dal vivo - IN FOTO).
“Paresi facciale da risata”: è la diagnosi fatta ad uno spettatore dopo, un’ora di pura energia comica, dove Urbano Moffa, vincitore di diversi premi nazionali, da vita ai personaggi che compongono la sua strampalata famiglia: i suoi amici d’infanzia, Giggino, Pompeo e Crocifisso; la cugina single e il suo diario; sua zia Lucrezia, campionario vivente di interventi plastici, suo zio Filipp, il “ Bohémien” nella sua mansarda parigina; il cugino Ernesto habitué dell’Esselunga; suor Aurelia insegnante di catechismo; sua mamma e le sue manie; sullo sfondo di una Puglia che profuma di salsa di pomodoro e colorata dalla musica dal vivo del maestro Fazio Armellini, che accompagna Moffa in questo viaggio fantasmagorico..!!!!!
TEATRO DELLA MENTE
Sabato 30 Novembre 2019, ore 21.00: “Mental Syntax” di e con Alex Ballarini, mentalista - spettacolo interattivo di teatro della mente.
Si sente parlare spesso di personaggi che sono in grado di intuire il pensiero, di avere grande capacità di calcolo e che sappiano usare intuito ed ingegno. Un tempo li avremmo chiamati maghi, ma ora queste persone vengono definite mentalisti… Mental Syntax è un viaggio che ci porta alla ricerca di quelle che sono le nostre capacità, ma anche quelli che sono i nostri limiti. Un’esperienza a 360° nei meandri della nostra mente, cercando e comprendendo al meglio noi stessi. Noi esseri umani abbiamo lo straordinario pregio-difetto di utilizzare solo il 10% di noi stessi, che poi alcuni ne utilizzano ancora di meno. Cosa succede se provassimo a spingerci oltre questo vincolo? Tra intuito, ingegno, introspezione psicologica e abilità narrativa, entreremo in un autentico cataclisma di emozioni, che inganneranno i nostri sensi
TEATRO
Lunedì 6 Gennaio 2020, ore 15.00: Compagnia Roggero in “Nonno Gelo, Stuf e il mistero dei Re magi” con Gabriella Roggero e Metello Faganelli – spettacolo per bambini con pupazzi, burattini, marionette e attore.
Nonno Gelo, un astrologo, con il suo fedele assistente Stuf, sono alla ricerca di Gaspare, uno dei Re magi. Nessuno sa dove sia. E' stato rapito? Si è nascosto? Se avesse sbagliato strada? Senza di lui gli altri due Re Magi, Melchiorre e Baldassarre, non possono intraprendere il viaggio che gli ha indicato la Stella cometa. Riusciranno a ritrovare Gaspare, scomparso con il suo cammello e il dono della Mirra? Uno spettacolo divertente e suggestivo per scoprire il piacere di conoscere le origini delle storie  tramandate dalla memoria orale e scritta sui libri che conservano preziose sapienze… lasciandosi incantare.


MUSICA
Sabato 22 Febbraio 2020, ore 21.00: Dirty Dolls acoustic duo in “Rock music history”, con Marco Giagnorio e Denis Bergonzi – concerto da Elvis a Internet, storia della musica rock in acustico.
Un viaggio attraverso 70 anni di musica rock... da Elvis ai Beatles, passando per i Led Zeppelin, i Queen e la musica dei nostri giorni. Due musicisti dalla grande esperienza live, con le loro voci e le chitarre acustiche ci raccontano la storia di un genere musicale che ha cambiato il mondo.
TEATRO
Sabato 28 Marzo 2020, ore 21.00: Compagnia Teatrale Gli Improbabili “Uno strano incidente” - commedia teatrale scritta e diretta da Federica Massaggia ed Emanuele Monti, liberamente adattata dall’opera teatrale LA PAZIENTE di Agatha Christie.
Come gli appassionati di Agatha Christie ben sanno, l’autrice inglese non è nota solo per i suoi romanzi gialli ma anche per la sua ricca produzione teatrale. Tra i suoi lavori vi è un’opera, sebbene  non così nota e rappresentata, che dimostra l’abilità e la maestria dell’autrice nel raccontare una storia fitta di intrighi e mistero: “La Paziente”, dove gli inganni, i segreti, le gelosie e i rancori famigliari diventano il motore della vicenda e fanno sì che si verifichi ...“uno strano incidente”. L’apparente tranquillità della famiglia Sanders viene turbata quando Jenny, erede e amministratrice del patrimonio di famiglia, si ammala di depressione. Il marito Bryan, celebre scrittore nonché noto donnaiolo, insieme ai familiari si adopera per trovare un'infermiera che possa occuparsi della moglie a tempo pieno, ma purtroppo le condizioni di Jenny si aggravano fino a sfiorare la tragedia quando un giorno, lasciata sola, cade dal balcone finendo paralizzata. Non convinto che si tratti di un banale incidente, né tanto meno di un fallito tentativo di suicidio, l'ispettore Gray inizia a indagare sulle persone che avrebbero potuto trarre qualche vantaggio dalla scomparsa della povera Jenny. Il gruppo teatrale GLI IMPROBABILI è orgoglioso di riproporre uno spettacolo dal sapore “classico” e dai risvolti noir , completamente rinnovato nell’allestimento e nella messinscena.
MUSICA
Sabato 18 Aprile 2020, ore 21.00: Back Cover Band in “Sound Ciak 2” - concerto
Dopo il grande successo riscosso da SoundCiak, che ha debuttato proprio al Nuovo Teatro di Cuasso nel gennaio 2018, torna sul palco la Back Cover Band proponendo altri brani tratti dalle colonne sonore dei film che hanno segnato la storia del cinema. Ad accompagnarli con il pianoforte ci sarà ancora una volta Enrico Del Prato. Insieme vi proporranno un viaggio tra ricordi ed emozioni che saprà stupirvi con tante curiosità legate alle pellicole scelte di cui potrete anche gustare la proiezione di alcuni passaggi salienti. BackCover Band: Antea Milano - voce, Ginevra Milano - voce, Lara Gariboldi – voce, Gianluigi Bais – voce, Roberto Vocale – chitarra, Alberto Biasibetti – chitarra, Stefano Biasibetti – batteria, Diego Rossi – basso, con la partecipazione di Enrico Del Prato - pianoforte e tastiere.

TEATRO
Sabato 9 Maggio 2020, ore 21.00: Spettacolo del Teatro Franzato “Attenzione alle valanghe!”,  regia di Paolo Franzato – commedia teatrale.
La Compagnia Teatro Franzato torna al mitico Teatro dell’Assurdo dopo averci navigato per decenni con una miriade di esilaranti spettacoli su vari testi di Ionesco, Beckett, Queneau, Allen, Jean Tardieu. Proprio a quest’ultimo drammaturgo, a venticinque anni dalla sua scomparsa, è dedicata questa commedia, composta da diversi atti unici in un crescendo di divertimento. Il Teatro Franzato unisce lo stupore e la meraviglia della creazione scenica alle maggiori tecniche, stili e poetiche del teatro contemporaneo, essendone stato pioniere e modello in Italia e in vari contesti internazionali.

TEATRO
Sabato 30 Maggio 2020, ore 21.00: Spettacolo teatrale del Gruppo Ragazzi della XXV edizione dell’Accademia Teatro Franzato. Interpreti gli allievi attori della prima e più longeva scuola teatrale creata a Varese (giunta alla 25^ edizione) e riconosciuta a livello internazionale, oggetto di studio in varie scuole ed Università europee, con quattro sedi tra Varese, Porto Ceresio e Cuasso al Monte. Titolo, testi, autori e interpreti saranno resi noti dopo l’avvio delle attività didattiche e pedagogiche previste per il 2020, che si svolgeranno il venerdì pomeriggio presso il Nuovo Teatro di Cuasso. Le attività  dell’Accademia Teatro Franzato sono patrocinate dalla Provincia di Varese e dall’Università degli Studi dell’Insubria, e svolte in collaborazione con Endas e Pro loco Cuasso.
Per info e iscrizioni all’Accademia tel. 347.4657358.
Sito web: www.franzato.it
Social: www.facebook.com/AccademiaTeatroFranzato
www.twitter.com/TeatroFranzato
www.linkedin.com/in/TeatroFranzato

Spettacoli presso Teatro all’aperto di Via Cacciatori delle Alpi:

TEATRO – Sabato 6 Giugno 2020, ore 21.00: Spettacolo comico di e con Giovanni D’Angella “Essere o Benessere” scritto con Riccardo Piferi e Giuseppe Della Misericordia e la regia di Riccardo Piferi.
Perché stiamo sul divano pur sapendo che per stare bene dovremmo andare a correre? Perché mangiamo il tiramisù pur sapendo che per stare bene dovremmo mangiare i broccoli? Perché ogni mattina cerchiamo di guadagnare più soldi e la sera diciamo che i soldi non fanno la felicità? Tutte queste domande fanno nascere un dubbio amletico: ma il benessere alla fine ci fa bene o ci male? Su questi ed altri dilemmi, Giovanni D’Angella riflette e fa riflettere il pubblico per 90 minuti di indimenticabili risate. “E se doveste dimenticarle sono pronto a ricordarvele tutte!” In Essere o Benessere ogni spettatore ritroverà completamente se stesso e la propria quotidianità. Sul palco Giovanni è tutti Noi. È l’Avatar che, con intelligente ironia, mette in scena i nostri vizi, i nostri costumi e le nostre speranze. Un esilarante One Man Show con canzoni, personaggi e gag. Un intenso monologo teatrale che rompe la quarta parete ed arriva diretto al pubblico. Uno spettacolo sull’eterna lotta, non tra il bene e il male, ma tra il bene ed il benessere!

MUSICA - Sabato 20 Giugno 2020, ore 21.30: “JPC live, in concerto” concerto del John Paul II Choir diretto da Samuele Cane.
Per il secondo anno consecutivo il coro Jpc di Albizzate chiuderà la stagione artistica 2019-20 del Nuovo Teatro di Cuasso con un concerto sotto le stelle. Le cover di Lady Gaga, Katy Perry, Coldplay, Queen, e tanti altri, saranno il cuore pulsante di questo concerto che vi farà cantare e ballare assieme ai 50 coristi del Jpc e alla sua Band. 

EVENTI: TANTA MUSICA LIVE ALL'ARLECCHINO PER SCALDARE L'AUTUNNO


ARLECCHINO SHOW
PROGRAMMA SPETTACOLI OTTOBRE 2019
ATTENZIONE il numero di telefono dell’Arlecchino è cambiato: 0332400839

Martedì 1, 8, 15, 22, 29
KARAOKE COL BAFFO
Il consueto appuntamento del martedì con il Karaoke del Baffo
Free entry


Venerdì 4
KEBAND con MITZY
Torna la Keband capitanata dall'incontenibile miTZi
Vi aspettiamo tutti per una serata di puro Rock'n'Roll e divertimento assicurato!!
Suonano un repertorio di canzoni originali che spaziano dal reggae al rocksteady trattando temi contemporanei e spiritualiSuonano un repertorio di canzoni originali che spaziano dal reggae al rocksteady trattando temi contemporanei e spiritualiOre 22,30
FREE ENTRY
 Info e prenotazione tavoli 0332 400839

Sabato 5
LIBERA USCITA
Tributo a LIGABUE
Olte a proporre il meglio di LIGABUE, festeggiano il compleanno della band!

FREE ENTRY
Info e prenotazioni 0332400839
ore 22,30


Domenica 6
WAKONDA LIVE
Torna l’appuntamento con gli artisti della domenica sera di "Dentro L'Artista", il 06/10/2019 dalle ore 21,00 Wakonda live, un grande appuntamento per chi ama viaggiare fuori dagli schemi...
info:
ingresso € 5 come contributo artisti dalle ore 21.00
presenta la serata Francesco Ferrari
(tanta arte) non mancate

Il progetto musicale nasce da Valentina Romano (cantante, chitarrista, autrice, compositrice) e Matteo Finizio (chitarrista e arrangiatore); entrambi, permeati fin da piccoli da una grande passione per la musica, ne hanno fatto il filo conduttore della loro vita, coniugando l'arte con la professione e lavorando infatti come insegnanti in diverse scuole di musica. Wakonda, termine che per gli Indiani d'America significa “Grande Spirito", nasce proprio dal profondo interesse che Valentina ha per questa cultura, in cui la musica è considerata al pari di una religione. I Wakonda nascono come duo Blues-Rock, e si ispirano al blues anni 30 nello stile di Robert Johnson, influenzati poi da Jimi Hendrix, Neil Young, Mavis Staples, Hank Williams, Seasick Steve... Hanno una grande esperienza live: negli anni, si sono esibiti in locali in Italia, Svizzera, e hanno partecipato a importanti Festival Blues. Ad aprile 2014 è uscito il loro primo album di canzoni inedite, autoprodotto, dal titolo “Pelle a fior di nervi”, con canzoni in italiano e in inglese, dalle influenze che spaziano dal Blues, al Rock, e al Cantautorato. Il disco è stato promosso, oltre che in Italia, attraverso un tour partito ad agosto dello stesso anno, svoltosi anche in Germania e Olanda. Nell'estate del 2015, i Wakonda sono stati protagonisti di un nuovo Tour, questa volta in Austria, mentre l'estate 2016 li ha visti portare la loro musica ancora più lontano, in America. Al ritorno è arrivata anche la registrazione del loro primo disco ufficiale, presso gli UP Studios di Ugo Poddighe. Particolarità di questo disco, è stata la registrazione non in acustico, come invece era avvenuto in passato, ma con una band. I Wakonda sono stati protagonisti di innumerevoli tour che hanno toccato diversi paesi, tra i quali : Italia,Svizzera,Olanda,Germania,Austria,Stati Uniti d’America,Irlanda ecc.
Info e prenotazioni 0332400839
ore 21,30


Venerdì 11
EFFETTO VASCO
Sempre richiesto e immancabile il tributo degli EFFETTO VASCO al grande VASCO!

Ore 22,30
FREE ENTRY



Sabato  12
REVIVAL il PARTY 70/80
Torna all' Arlecchino il Party 70/80 più vero di sempre by ILOVE VINYL
 con la musica suonata esclusivamente in vinile a 45 giri da Mr.P. e l'animazione del mitico Felix.
ABBIGLIAMENTO A TEMA CONSIGLIATO
FREE ENTRY
Ore 21,30
Prenota il tuo tavolo allo 0332400839

Venerdì 18
JOLLY BLU
Tributo a MAX PEZZALI e 883
Tutte le storiche canzoni di Max Pezzali e 883 riproposte dai bravissimi
JOLLY BLU
FREE ENTRY
Ore 22,30
Info e prenotazioni 0332 400839

Sabato 19
‘39 QUEEN SHOW
Il progetto, nasce dalla passione di Angelo Malatesta, chitarrista e proprietario degli Innuendo Studios di Milano che, oltre ad essere il fondatore della band, ha collaborato – dopo avere incontrato e conosciuto Brian May - come supervisore tecnico, nella traduzione italiana del suo libro “La Red Special” edito da Tsunami Edizioni.
Gli altri tre musicisti del "quartetto" sono Mitia Maccaferri (voce), Roberto Brogi (basso), Gabriele Grossi (batteria). Al seguito come tastieristi turnisti Maximilian Agostini e/o Marina Ferrazzo. L’obiettivo della band è di non imitare nessuno; niente  parrucche, baffi finti ecc… di contro, ogni artista professionalmente mette la sua passione a disposizione delle intramontabili canzoni dei Freddie, Brian, John e Roger, per uno show a tutto rock. Dal 5 settembre 2016, data del 70° compleanno di Freddie la band ha avuto il riconoscimento, unico in italia, quale OFFICIAL ITALIAN SUPPORTER for the Mercury Phoenix Trust (MPT), la onlus che vede a capo lo storico Manager dei Queen Jim Beach nonché Brian, Roger e John, impegnanti alla raccolta di fondi per combattere l'AIDS.

Mitia Maccaferri - Voce.
Angelo Malatesta - Chitarra, cori.
Roberto Brogi - Basso.
Gabriele Grossi - Batteria.

Guest Musicians:

Maximilian Agostini - Piano e Synth
Marina Ferrazzo - Piano e Synth

Sound Engineer: Daniele Zanotti

FREE ENTRY
Info e prenotazioni allo 0332400839


Domenica 20
DRAG QUEEN SHOW
Torna dopo la pausa estiva il DRAG QUEEN SHOW.
Le divine SAFIRA e CARLO BRUNI con i loro trasformismi, i meravigliosi costumi, gioielli e simpatia!
Ore 21,30
Info e prenotazioni 0332400839
Venerdì 25
BAD MEDICINE
Tributo a BON JOVI
BAD MEDICINE ripropongono i brani che hanno reso storica la rock band statunitense dei BON JOVI. L’attitudine sfacciatamente “eighties” del gruppo rende gli shows unici, adrenalinici e imperdibili. E’ possibile rivivere le emozioni di songs stupende tratte dal primo omonimo album, passando da 7800° fahrenheit e Slippery when wet, arrivando a New Jersey e Keep the faith.
I pezzi vengono eseguiti con la stessa fedeltà musicale e vocale proposta nei dischi della mitica band del New Jersey ed interpretati con la grinta ed il coinvolgimento, da VERI fan, quali sono i membri dei Bad Medicine!

FREE ENTRY
Ore 22,30

Sabato 26
SUGAR SOAD
Tributo a System Of a Down
Gli SUGAR SOAD ripropongono l’alternative metal della band statunitense
SYSTEM OF A DOWN (SOAD)
La formazione:
Alessio Barichello - Vocals
Stefano Danaro - Bass & Backing Vocals
Andrea Zanon - Guitar
Giovanni Sala – Drums

Dividono il palco con i SUGAR SOAD  i Darkness' Light Heavy metal cover band.

FREE ENTRY
Ore 22,30

Giovedì 31
HALLOWEEN con
GODAMN SUPERSTAR
Tributo a MARILYN MANSON
Un  HALLOWEEN  da paura: sul palco dell'Arlecchino I GODAMN SUPERSTAR, l'unico tributo ufficiale EUROPEO a Marilyn Manson riconosciuto dallo stesso!
I Godamn Superstar suonano su importanti palchi d'Europa
e il 31 ottobre saranno con noi con uno show tutto da ascoltare e guardare!!
FREE ENTRY
Info e prenotazioni 0332400839




L’ARLECCHINO SHOW BAR
Via Papa Innocenzo 37,
21040 Vedano Olona VA 
 Tel 0332-400839