CULTURA: INCONTRI LETTERARI A VILLA TOEPLITZ BY MUSEO CASTIGLIONI


AL BAR TENNIS DI VILLA TOEPLITZ IL MUSEO CASTIGLIONI PROPONE PRESENTAZIONI E LIBRI

A luglio, insieme a partner culturali ed autori, sabato 4-18-25 e venerdì 17 alle 18.30
Nel Parco di Villa Toeplitz le attività riprendono insieme all’estate e in collaborazione col Bar Tennis, grazie all’ospitalità di Stefano Morandini, mentre al Museo continuano le mostre “Magie d’Africa. Religioni, simboli, misteri” e “Donne del nostro mondo - fotografie di Antonio Cereda dai 4 continenti” (fino al 27.9), Marco Castiglioni propone 4 incontri con gli autori e presentazioni di libri, alcuni in collaborazione con Musea TraRari TIPI e Banca Generali Private di Varese.

Sabato 4 luglio, ore 18.30
Federico Bianchessi Taccioli, Parole di traverso, ed. Macchione, 2020
Hiroshima venne forse distrutta dall’atomica per un errore di traduzione. E la guerra tra Italia e Etiopia alla fine dell’800, che avrebbe portato alla tragedia di Adua, scoppiò per le divergenti versioni linguistiche di un articolo del trattato di alleanza tra i due paesi. L’interprete del dittatore coreano Kim Jong-un al vertice di Hanoi con Trump sarebbe stata fucilata per avere trasmesso male una frase, causando il fallimento dell’incontro. Spesso le parole si mettono ‘di traverso’, sulle strade della storia come della vita, rendendo difficile la comunicazione tra culture differenti, ma in qualche caso anche offrendo spunti per visioni nuove del mondo. E ne possono derivare conseguenze imprevedibili. E’ il filo conduttore del nuovo libro di Federico Bianchessi Taccioli, giornalista e scrittore milanese-varesino: “Parole di traverso”, edito da Macchione. Sedici racconti, diversi tra loro per trame e ambientazioni ma accomunati dal tema di fondo degli incontri e scontri tra lingue, linguaggi, dialetti diversi. Fantasia e realtà si intrecciano, con personaggi storici come Eugenio Montale, James Joyce, Renato Guttuso, Piero Chiara, insieme ad altri del tutto immaginari, come nel misterioso ‘Sarakasi’, di sapore africano.
Il libro sarà presentato in anteprima con la partecipazione dell’ex direttore della Prealpina, Giancarlo Angeleri, della studiosa Serena Contini, autrice della Prefazione al testo, e del direttore del Museo Castiglioni, Marco Castiglioni.

Venerdì 17 luglio, ore 18.30
LE 100 PAROLE DEI MUSEI, di Massimo Negri e Giovanna Marini, Marsilio Editore Collana Elementi
Condition report, interpretazione, museografia, museologia, “chiodo a chiodo”, colophon, lux, prestito, ecomuseo: questi sono solo alcuni dei vocaboli del linguaggio di chi lavora nei musei, per i musei o con i musei. Apparentemente una Torre di Babele dove si mescolano termini tecnici con espressioni gergali, come del resto accade in tutti i mestieri.
Questo libro ne raccoglie centodue. Centodue definizioni che svelano a volte aspetti nascosti del backstage museale oppure definiscono in maniera più precisa operazioni e procedure di cui molti intuiscono l’esistenza, ma a cui non sanno dare un nome. Conoscendo questi termini meglio si comprende cosa sia un museo e come funzioni e, forse, si impara ad amarlo per quello che è: un organismo vivente fatto innanzitutto di persone (chi ci lavora e chi gli dà vita visitandolo) e poi di cose (la collezione che espone).
Dunque: a chi può servire “Le 100 parole dei musei”? Ai visitatori più appassionati che vogliono scoprire anche il “dietro le quinte” del meccanismo museale e la sua lingua, ai docenti e agli studenti delle diverse materie relative al patrimonio culturale, alle differenti branche della storia: dell’arte, della natura, della società, della scienza, cioè tutto quanto una volta organizzato in un museo diventa occasione e strumento di comunicazione, di racconto, di fascinazione. Può servire anche ai professionisti del settore che vogliano raccogliere le idee sul loro lavoro e magari contribuire al miglioramento degli strumenti di comunicazione e operativi interni al museo e tra museo e pubblico.
Su tematiche analoghe, sempre per Marsilio e di Massimo Negri, è uscito nel 2016 “La Grande Rivoluzione dei Musei Europei. Museum Proms”.

Sabato 18 luglio, ore 18.18
Gherardo Mazzocchi, Di suoni e cristalli, Trarari Tipi edizioni, presentazione con esposizione di cristalli e strumenti musicali usati nel Crystalhealing. Questo libro, capace di riunire due strumenti energetici che si intrecciano in perfetta sinergia come i cristalli e il suono, invita a iniziare un viaggio scoprendo sfumature nuove di qualcosa già conosciuto, oppure iniziando dalle basi. Imparare con semplici esercizi a portare nella vita e nella quotidianità questi strumenti costantemente a nostra disposizione ci permette un percorso di crescita e miglioramento personali. I cristalli: con i loro colori e forme hanno catturato fin dall'antichità l'attenzione dell'uomo e sono stati studiati e adoperati in un'ottica “magica” che ora possiamo definire “energetica”. Il suono: una delle energie primigenie assieme alla luce stessa, vibrazione che attraversa la materia e giunge fino al fulcro della nostra essenza toccandoci nel profondo. Gherardo Mazzocchi (operatore olistico professionista ai sensi della legge 4 del 2013, specializzato nell'interazione fra le vibrazioni sonore e il mondo minerale cristallino) ci conduce con precisione e semplicità in questo viaggio, offrendo al lettore tanti spunti con un linguaggio chiaro e ricco di esperienza. La piccola casa librografica Trarari TIPI, nata ad Aosta nel 2008 (dopo quasi 20 anni della titolare nell’editoria) e da alcuni anni a Varese, specializzata nel binomio Arte &_, inaugura con questo volume la nuova collana L’Albero delle Fate dedicata ai saggi di cultura olistica e alla didattica creativa.

Sabato 25 luglio, ore 18.30
Antonio Cereda, fotografo, Anna Canuto, antropologa, e i curatori D. Ferrari e L. Traini presentano la mostra e la plaquette in limited edition
“DONNE DEL NOSTRO MONDO Fotografie di Antonio Cereda dai viaggi in Africa, Asia, Oceania, America Latina” è una mostra, sponsorizzata da Banca Generali Private, in cui viene proposta al visitatore una scelta dell’omaggio più che trentennale che il fotografo ha dedicato alle donne incontrate nei suoi numerosi viaggi. La rappresentazione di questo universo al femminile segue una rotta di sguardi, gesti, lavori e apparizioni di questa realtà concreta fatta di eleganza, forza e dolcezza che vince ogni luogo comune, ogni esotismo. E’ la vita quotidiana che queste donne rendono poesia. Ricambiata dall’assoluta fedeltà dell’artista, alieno da ogni posa o colore che non sia quello con cui rivestono con sapienza, con gusto sopraffino i propri corpi. Anche quando sono nudità, perché anche il nudo è un vestito che sanno portare con stile. (Debora Ferrari, Luca Traini)
Antonio Cereda è un fotografo che ama girare il mondo insieme alla moglie Anna Canuto, antropologa, nei luoghi meno turistici, che sa restituire con un’evidenza e una familiarità che sembra di essere proprio lì, accanto a lui, a dialogare coi vicini di casa. Nel corso di più di trent’anni ha pubblicato cinque libri: SFULINGO l’ India dei colori (1988), Polepole dell’ Africa adagio, adagio (2003), Papua Nuova Guinea :le maschere danzanti (2007), Gujarat, frammenti (2018) e STREET ART Segno dei tempi (quest’ultimo proprio con Trarari TIPI nel 2019). Il suo sito è ALCHIMIA – IMMAGINI DAL MONDO PER IL MONDO.
NOTA
Il Museo Comunale Etno-Archeologico Castiglioni potrà finalmente riaprire al pubblico. Per le prime settimane sarà visitabile solo di sabato e domenica con i consueti orari: 10:00 – 13:00 / 14:00 – 18:00.
Per la sicurezza dei visitatori, saranno attuate tutte le procedure igieniche previste dalle direttive governative e regionali. Non potranno accedere all’esposizione più di 20 visitatori contemporaneamente, 10 per piano, e non si potrà sostare in più di 5 per ogni sala, naturalmente rispettando le distanze infra-personali previste. L’uscita sarà differenziata dall’ingresso.
Il personale e i volontari che collaborano col Museo Castiglioni vigileranno sul rispetto delle regole. Verrà messo a disposizione dei visitatori il gel disinfettante e verrà rilevata la temperatura corporea all’ingresso che sarà consentito solo se inferiore a 37,5° e muniti di mascherina e guanti. Naturalmente i locali e le superfici saranno costantemente sanificati e vi sarà distinzione tra il bagno a disposizione del pubblico e quello per il personale.
Regole, queste, sicuramente spiacevoli ma necessarie per garantire la salute dei visitatori così come quella del personale. La speranza è che il pubblico non si faccia scoraggiare e, anzi, con la sua presenza contribuisca alla ripartenza di un settore, quello museale, ma di tutta la cultura in generale, sicuramente tra i più penalizzati dall’epidemia di Coronvirus.
Anzi, con ogni probabilità, la situazione non consueta andrebbe a vantaggio di coloro che, da questo fine settimana, entreranno nei musei. Troveranno esposizioni meno congestionate, più silenziose, e con maggior libertà di movimento. Costretto al distanziamento sociale, chi vi accederà potrà ammirare le opere come in poche occasioni si sono viste; avrà la possibilità di sostare da solo, con lentezza e senza confusione dinanzi a un reperto; potrà prendersi più tempo per capire e imparare, potrà approfondire quanto scritto nei pannelli, nelle didascalie o proiettato. Dunque, un’opportunità davvero unica, da non perdere.
Peraltro, la comprensione del percorso sarà tutt’altro che penalizzata considerato che, oltre ai consueti pannelli, il Museo Castiglioni in ogni sala dispone di un video che racconta quanto esposto. Si tratta di filmati unici e originali girati dai fratelli Angelo e Alfredo Castiglioni nei loro oltre sessant’anni di ricerche sul campo nel continente africano che, di fatto, fanno parte integrante della collezione. Così come la sala multimediale dove è stato ricostruito un intero attendamento Tuareg, consentirà al pubblico di immergersi in tutta sicurezza in quello che è un vero e proprio piccolo angolo di deserto.
La visita al Museo Castiglioni, nella dépendance del Parco Pubblico di Villa Toeplitz, sarà anche un’occasione per il visitatore di godere dello splendido contesto in cui si trova immerso. In particolare potrà ammirare la spettacolare fontana monumentale, coi sui giochi d’acqua, appena ristrutturata e riportata all’antico splendore dall’amministrazione comunale.

Parco Toeplitz Viale Vico 46 21100 VARESE M + 39 334 9687111 T +39 0332 1692429

Commenti

Post popolari in questo blog

MAGIA: APPUNTAMENTO DOMENICALE PER TUTTA L'ESTATE CON IL BOSCO SEGRETO DI WALTER MAFFEI

NEWS: ANCORA SOSPESE LE ATTIVITA' RICREATIVE A CAUSA DEL CORONA VIRUS IN VIGORE NUOVO DECRETO LEGGE

ARTE: LE ARMONIE DI ANA ELENA SASU IN MOSTRA IN SALA NICOLINI A VARESE