venerdì 11 dicembre 2015

CINEMA TRA SCIENZA E DIRITTO


TERZO APPUNTAMENTO CON LA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA DELL’UNIVERSITÀ INSUBRIA

Mercoledì 16 dicembre si terrà il terzo appuntamento con la rassegna cinematografica aperta al pubblico “Quando la scienza incontra il diritto” organizzata dal Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dell’Università degli Studi dell'Insubria di Como con “Chasing Ice” di Jeff Orlowski.
Dal 28 ottobre all’11 maggio, un mercoledì al mese, nell’Aula Magna del Chiostro di S. Abbondio alle 20.30, verranno proiettati otto film che saranno introdotti ogni volta da un docente dell’Università.
La retrospettiva vuole esplorare, attraverso il cinema e in modo interdisciplinare, una serie di temi importanti da un punto di vista storico e di grande attualità: il processo contro Galileo Galilei, uno dei processi più grandi della storia; il legame tra l’inquinamento diffuso e i danni alla salute; i cambiamenti climatici; il ruolo del diritto nel preservare i global commons (le risorse naturali liberamente disponibili); la tobacco litigation, ossia quei casi in cui i ricorrenti lamentano di essere vittime del fumo agendo contro i grandi produttori di tabacco; la complicità dei medici nazisti nei maltrattamenti e nelle torture all’interno dei lager; la questione della proprietà sulle terre in quei luoghi in cui le popolazioni autoctone sono state spossessate a favore di più moderni bisogni della società attuale.
L’iniziativa, a cura di Barbara Pozzo, docente di Diritto Privato Comparato, e Alberto Cano, direttore del Lake Como Film Festival, aprirà le porte dell’Università Insubria, e in particolare quelle della sede di Sant’Abbondio, alla cittadinanza e sarà anche l’occasione per conoscere i docenti che insegnano nell’ateneo comasco.

16 dicembre 2015
CHASING ICE di Jeff Orlowski
Stati Uniti 2013
Presentano il film Carlo Dossi e Barbara Pozzo

Per conto della National Geographic, il fotografo James Balog si reca in Antartide per un servizio che possa aiutare a comprendere la situazione critica dei ghiacciai. In seguito all'esperienza, insieme a un gruppo di giovani studiosi, mette a punto la EIS (Extreme Ice Survey), spedizione che ha come scopo la documentazione dell'inarrestabile cambiamento climatico in corso: mediante l'installazione di decine di macchine digitali in Montana, Alaska, Islanda e Groenlandia, Balog ottiene migliaia di fotografie che, montate in sequenza, testimoniano le conseguenze del riscaldamento globale.

I cambiamenti climatici sono sotto gli occhi di tutti, ma esiste la prova scientifica delle cause che li hanno creati? Esiste la possibilità di stabilire – sotto il profilo giuridico – un responsabile, senza limitarsi a indicare che sono le attività antropogeniche a essere all’origine di questi fenomeni? Il film ci mette sotto gli occhi come il cambiamento sia evidente, mentre scoprirne le cause e combatterle è molto più difficile.

Carlo Dossi
È professore ordinario di Chimica Analitica presso il Dipartimento di scienze teoriche e applicate. Dopo aver conseguito il Dottorato di Ricerca in Scienze Chimiche all’Università degli studi di Milano, è stato visiting scholar presso il Center for Catalysis and Surface Science della Northwestern University a Evanston, Illinois (Stati Uniti). È coordinatore dei corsi di Laurea triennale in Scienze dell’Ambiente e della natura e magistrale in Scienze Ambientali. È Direttore della Scuola di Specializzazione sul rischio chimico.
Barbara Pozzo
Professore ordinario di Diritto Privato Comparato presso il Dipartimento di Diritto, Economia e Culture, di cui è anche Direttore. Si è laureata presso l’Università degli Studi di Milano e ha conseguito il dottorato di ricerca in diritto comparato all’Università di Firenze. Si è specializzata presso il Max-Planck Institut di Amburgo (Germania) e presso la Faculté Internationale de Droit Comparé di Strasburgo (Francia). È stata più volte visiting professor negli Stati Uniti (Fordham University di New York; University of California at Davis; Louisiana State University). È Direttore del Centro Interdipartimentale di Ricerca in Diritto Comparato, fondato assieme alle Università degli Studi di Milano e Bologna, ed è coordinatore del Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale. Dirige le Collane “Le lingue del diritto” e “Diritto ed Economia dell’Ambiente”, entrambe edite da Giuffrè – Milano.
 
 

Ingresso libero e gratuito.