TEATRO A MILANO: LA CHANSONISSIMA DI GIANGILBERTO MONTI E CESARE CAPITANI

 



CHANSONISSIMA

un secolo di canzoni d’autore tra Italia e Francia
con

GIANGILBERTO MONTI e CESARE CAPITANI
con la partecipazione straordinaria di 
DAVIDE ZILLI al pianoforte



Teatro Gerolamo mercoledì 28 febbraio 2024 – ore 20


Per una sola serata al teatro Gerolamo, Giangilberto Monti e Cesare Capitani presentano il loro spettacolo che racconta un secolo di canzoni d’autore tra Italia e Francia, accompagnati dal pianista Davide Zilli.

Il trio metterà in scena una narrazione bilingue tra ironia e poesia, raccontando quel sottile fil rouge che legò indissolubilmente la cultura e la chanson d’oltralpe al migliore cantautorato italiano. Monti, Capitani e Zilli partiranno dall’età dell'oro della canzone francese, quando musica, poesia, teatro, jazz, cinema e impegno civile si mescolavano creando un connubio di generi e stili, un’arte unica e inimitabile, per terminare con la nascita del cantautorato italiano. Il racconto mostrerà l’influenza che ebbe il repertorio della chanson sulla creatività musicale italiana, e viceversa: le storiacce da strada di Aristide Bruant, le provocazioni poetiche di Serge Gainsbourg, i testi disperati di Édith Piaf e Leo Ferré, l’ironia di Boris Vian e Georges Brassens, le strofe strappacuore di Charles Trenet e Georges Moustaki, fino agli esordi della scuola ligure di PaoliTencoLauzi e De André. Una coppia di artisti di parola e di musiche fuori dal coro, nello spirito della performance e della canzone d'autore, quella che racconta le sue radici e vuole da sempre il pane e le rose: il sogno di ogni generazione.

“Dopo anni di lavoro sulla canzone francese – commenta Giangilberto Monti – mi sembrava giusto chiudere il cerchio con una visione più multiforme di questo mondo, unendo le capacità attoriali di Cesare Capitani al pianismo di Davide Zilli, tra jazz e teatro-cabaret. Con le loro presenze spero di comunicare quell’arte totale che aveva caratterizzato gli anni d’oro della chanson, dove poesia, ironia e musica si sono sempre incrociate sulla scena. E poi, tre è il numero perfetto.”


BIOGRAFIE

Giangilberto Monti, allievo di Dario Fo e dello storico regista televisivo Vito Molinari, è uno chansonnier, attore, scrittore e compositore, ma è stato anche autore di teatro, produttore discografico, studioso della canzone francese ed esperto della comicità musicale italiana, oltre che della storia del cabaret moderno. Ha pubblicato saggi e dizionari per Garzanti, ha scritto per comici e cabarettisti, ha ideato e interpretato spettacoli di teatro-canzone e ha curato rassegne sul cantautorato italiano, pubblicando 18 album come cantautore e interprete, di cui gli ultimi sono “Le Canzoni del signor Dario Fo” (Fort Alamo/Warner, 2018), "Maledetti Francesi" (Freecom, 2019), “Tempi strani – Live” (Fort Alamo/Sony, 2021) e “Françalien” (Freecom/Believe, 2022). Ha collaborato spesso con la Radio della Svizzera Italiana (RSI), ideando radiodrammi musicali – come “La Belle Époque della banda Bonnot” (Prix Suisse 2004) – e programmi sulla storia dello spettacolo. Da esperto della chanson française ha pubblicato divertenti saggi storici, ha riassunto il suo mondo discografico in “Romanzo musicale di fine millennio” (Miraggi, 2016) e raccontato le canzoni di Dario Fo in “E sempre allegri bisogna stare” (Giunti, 2017), da cui è tratto uno spettacolo di narrazione musicale con la jazz band di Paolo Tomelleri.

Cesare Capitani è attore, autore, regista e formatore culturale, diplomato alla Scuola Paolo Grassi di Milano nel 1992. Risiede da quasi vent’anni a Parigi, alternando gli impegni artistici da una parte all’altra del confine. I suoi spettacoli, tra cui “Moi, Caravage” (“Io, Caravaggio”) e “Médinitalì”, sono veri e propri one-man-show che hanno debuttato in prestigiose rassegne teatrali, tra Francia, Svizzera e Italia. In particolare, “Moi, Caravage” creato per il Festival d’Avignone nel 2010, ha già totalizzato oltre cinquecento repliche. In questi anni Capitani ha anche recitato in diverse produzioni cinematografiche e serial TV, pubblicando regolarmente testi e racconti tratti dalle sue performances, come l’”Autre Galilée”, circuitato in Francia tra il 2015 e il 2016, e collaborando con gli istituti di cultura italiani nei paesi francofoni. Ultimamente ha ideato “In vino veritas” (2023), un suo monologo sulla storia del vino e l’influenza che la bevanda ha suscitato nelle arti, rappresentato a Montepulciano nel festival legato al Consorzo del Vino Nobile: “Vivo tra due lingue, due culture, due Paesi: un piede in Italia e uno in Franca. E non posso mai sedermi, perché in mezzo ci sono le Alpi!” (Cesare Capitani, da “Médinitalì”, 2020).

 

durata spettacolo: 90 minuti

ORARI: ore 20
PREZZI: da 12 a  30 €   
INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI 
uffici: 02.36590120 / 122 | biglietteria 02 45388221  biglietteria@teatrogerolamo.it - info@teatrogerolamo.it - www.teatrogerolamo.it

TEATRO GEROLAMO
Piazza Cesare Beccaria 8 – 20122 Milano

Commenti

Post popolari in questo blog

SCIENZA: A VARESE "REAL HUMAN BODIES" UNA MOSTRA DI VERI CORPI UMANI

SAGRA : A SESTO CALENDE DUE WEEK END CON LA GRANDE FESTA DELLE CASCINE DI SAN GIORGIO

MUSICA: AL VIA LA GRANDE FESTA D'ESTATE SAXOFONISTICA E DELLA MUSICA TRA VARESE E CUVEGLIO PASSANDO PER VIGGIU'