venerdì 22 settembre 2017

GIOVANI PENSATORI: AL VIA IL PROGETTO DI FILOSOFIA PER RAGAZZI E BAMBINI


GIOVANI PENSATORI AL VIA: IL PROGETTO DI FILOSOFIA PER RAGAZZI E BAMBINI, QUEST’ANNO È DEDICATO A STORIA, SCIENZA E FILOSOFIA

Ricco il calendario di eventi aperti anche alla cittadinanza: si parte il 29 settembre con una conferenza sul foto-giornalismo di Giorgio Lotti.

Il Progetto dei Giovani Pensatori, giunto alla nona edizione, è promosso dal Centro Internazionale Insubrico dell’Università degli Studi dell’Insubria, con il patrocinio della SFI (Società Filosofica Italiana) e dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Varese, nonché da una significativa rete di istituti scolastici che fanno capo al Liceo Scientifico Ferraris quale scuola polo di questo progetto che si è sempre più radicato e ramificato nel mondo della scuola varesina. Ideato e diretto dal professor Fabio Minazzi, con la collaborazione di Marina Lazzari, costituisce un progetto di didattica della filosofia realizzato in chiave fortemente interdisciplinare. L’edizione di quest’anno è dedicata ai rapporti tra Storia, scienza e filosofia. «La nostra scuola insegna le discipline scientifiche (matematica, fisica, biologia, scienze naturali, astronomia, geologia, geometria, trigonometria, algebra, etc., etc.) da un punto di vista rigorosamente astorico, mentre riserva un approccio storico esclusivo per le discipline umanistiche (letteratura, filosofia, arte, la storia propriamente detta, etc.). In tal modo nel senso comune della nostra nazione si radica un pregiudizio assai diffuso (un autentico crampo mentale, à la Wittgenstein) in nome del quale la verità scientifica non avrebbe nulla a che fare con la dimensione della storicità» spiega il professor Minazzi, docente di Filosofia dell’Università degli Studi dell’Insubria, nonché direttore del Centro Internazionale Insubrico.

Il progetto di quest’anno prende così le mosse da un’interrogazione critica di questa posizione egemone, facendo dialogare direttamente tra di loro voci filosofiche, scientifiche e storiche. Pertanto saranno così presenti, oltre agli interventi dedicati alle classiche voci filosofiche (Socrate, Galilei, Cartesio, Husserl e la fenomenologia) iniziative dedicate all’informatica, alla cosmologia, alla matematica del WEB, nonché approfondimenti di filosofia della scienza e di scienza della comunicazione, dedicata a ETL, la storica emittente televisiva locale di Varese. Filosofia e scienza si confronteranno con la valenza storica del loro tessuto disciplinare, affiancate da conferenze e convegni, quali quelli dedicati alla Rivoluzione d’ottobre, all’Europa oggi, alla storia della Resistenza considerata attraverso lo studio della figura di un uomo martinettiano come Guido Bersellini. Tutto inizierà il 29 settembre con una conferenza sul foto-giornalismo di Giorgio Lotti.

Numerosissimi saranno poi gli interventi laboratoriali, sviluppati anche presso le singole scuole. Prosegue con successo il progetto dei Giovanissimi Pensatori, dedicato alla Filosofia con i Bambini, curato da Veronica Ponzellini, che, anche quest’anno, sarà presente quale attività finalizzata all’avvio di quel pensare razionale e critico che consente la formazione di cittadini responsabili. Quest’anno si aprirà, nel mese di ottobre, con una Passeggiata ambientale-ecologica nel Campus Universitario di Bizzozero guidata da due docenti dell’Ateneo, Bruno Cerabolini (naturalista e botanico) e Adriano Martinoli (biologo e zoologo), che accompagneranno gli studenti delle scuole primarie alla scoperta di animali e piante tipici del nostro territorio insubrico. Si proseguirà, poi, con le attività filosofiche realizzate dai docenti aderenti al progetto che, attraverso una rete del pensare filosofico-storico-scientifico metteranno i più piccoli in condizione di divenire sempre più consapevoli della bellezza del saper pensare e del saper vedere. In chiusura il Festival dei Giovani Pensatori, nella seconda giornata, vedrà protagonisti assoluti i Giovanissimi Pensatori presso l’Aula Magna dell’Ateneo.

Il Laboratorio Legalità come prassi, curato da Stefania Barile, oltre alla formazione giuridica nell'ambito del Diritto dell'arte, e a quella storico-filosofica (con un percorso di approfondimento sulla Resistenza a Varese, Luino e Laveno), riguarderà, da novembre a maggio, l’istituzione del laboratorio Legalità come prassi in Catalogna per spendere le competenze acquisite durante il percorso sulla guerra civile spagnola svoltosi lo scorso anno. Ad esso si affiancherà il progetto-concorso su don Milani Web-care tra valori e limiti. Dalla Lettera a una professoressa alle elaborazioni digitali che la Commissione Legalità del Progetto dei Giovani pensatori ha realizzato in collaborazione con ACLI Provinciale. Appuntamenti imperdibili per la promozione del civic lab - Legalità come prassi sono: il 30 settembre al Museo Parisi Valle di Maccagno a conclusione del primo anno di Legalità come prassi, il 17 novembre con la presentazione dell'attività del laboratorio e il 28 marzo con Nando dalla Chiesa nell'aula magna di via Ravasi.

Come per la valorizzazione dell’archivio di ETL (donato al Centro Internazionale Insubrico), significativa sarà la giornata studio dedicata ad Antonia Pozzi e al suo archivio (che sarà possibile visitare, nella sede del Centro Internazionale Insubrico al termine degli interventi) accostata ad altre illustri voci poetiche: quella di Daria Menicanti e di Lalla Romano. Altro appuntamento significativo, a chiusura delle giornate conclusive dei Festival della Filosofia, sarà la rappresentazione teatrale a maggio 2018 in piazza S. Vittore a Varese, che avrà come filo conduttore l'entusiasmo: Desideria: il coraggio di sfidare la storia su testo di Elisa Castiglioni con la regia di Daniela Sbrana.

In collaborazione con Radio Missione Francescana continuerà, infine, la trasmissione Filosofia per tutti, con letture dei classici, interviste ai protagonisti del programma della IX edizione del progetto Giovani Pensatori e interventi dei giovani studenti con i loro docenti, mentre è già in corso e si svolgerà durante tutto l’anno la presenza di giovani liceali, nel periodo di formazione “alternanza scuola-lavoro”, nella sede del Centro Internazionale Insubrico.

Nessun commento:

Posta un commento